Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Padova: padroni in ferie e gatto chiuso in casa da giorni. Mobilitazione generale

Padova: padroni in ferie e gatto chiuso in casa da giorni. Mobilitazione generale

Si è verificata una vera e propria mobilitazione generale da parte dei residenti di via Don Verità, a Padova, alla scoperta che un micio padronale era stato chiuso in casa dai proprietari partiti per le vacanze.

Il gatto si trovava sigillato nell’appartamento da una settimana, involontariamente: i proprietari erano infatti convinti di averlo lasciato in giardino. La famiglia umana del felino, di nazionalità rumena, era rientrata nel Paese natale e aveva lasciato l’incarico ad un connazionale di nutrire la bestiola lasciandogli del cibo in giardino.

I vicini di casa si sono resi conto che qualcosa non andava non vedendo il piccolo felino nelle zone che era solito frequentare ma sentendo comunque i suoi lamenti. Il micio era privo di cibo e di acqua e rischiava la vita, essendo totalmente impossibilitato a lasciare l’appartamento.

I residenti della via hanno pertanto richiesto l’intervento dei Vigili del Fuoco e della Polizia Municipale, tanto nella giornata di domenica quanto in quella di ieri. L’amara scoperta è stata che introdursi in una proprietà privata, seppure per prestare soccorso ad un animale che rischia la vita, è e rimane comunque un reato grave. Molto più grave della sanzione che toccherebbe invece al proprietario di un animale morto per incuria: un paradosso senza precedenti.

Secondo il quotidiano Il Mattino, le stesse forze dell’ordine si sarebbero dichiarate “con le mani legate” e sostanzialmente frenate da codicilli e postille legali che avrebbero reso l’ingresso nella proprietà privata della famiglia una questione più problematica che positiva: “Perché è questo che dice la legge: se scassini una finestra diventi responsabile della sicurezza della casa e pure del gatto che hai liberato. E rischi una denuncia. Anche se sei un rappresentante della legge e hai salvato la bestiola. E se poi il gatto scappa e finisce sotto una macchina? Un’altra denuncia. Evidentemente meglio saperlo condannato. Non c’è niente da fare: come spiegano gli animalisti, i tribunali sono ferrei, i processi durissimi contro le persone di buona volontà. Mille dubbi, mille paure che hanno trovato casa nelle pieghe della legge: finire nei guai per un gatto”.

Dopo una breve valutazione sulla questione, i cittadini hanno comunque deciso di intervenire autonomamente e, posizionata una scala, hanno provveduto a liberare il gatto, un micio rosso ormai in stato di grave sofferenza.

A prendersi cura di lui sarà una vicina di casa dei proprietari, nell’attesa che tornino dalle ferie.

Foto: repertorio (fonte Flickr).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

12 Commenti

  1. eh sì…

  2. E hanno fatto bene! Grazie per il chiarimento, purtroppo la legge la conosco bene….il mondo gira proprio al contrario, urgono riforme serie in tutti i campi (ma conviene lasciare che le cose siano così affinché pochi guadagnino)!

  3. articolo aggiornato, e puoi ben esultare, sono entrati i condomini di loro iniziativa, a quanto pare 🙂

  4. johnny quando stamattina abbiamo scritto la news le notizie erano molto scarne. cercando ora abbiamo trovato qualche dettaglio in più, quindi integriamo la notizia subito 🙂 se ripassi tra venti minuti forse trovi qualche risposta in più 🙂

  5. Scusate, ma non ho capito se i cittadini hanno chiamato le forze dell’ordine e queste ultime non sono intervenute, così si sono dati da fare di propria iniziativa portando in salvo l’animaletto bloccato in casa e rischiando il penale (fregandosene Grandissimi!).
    Se è così HANNO FATTO BENISSIMO, MITICI! 😀

  6. Io proprio non capisco. Questi pensavano che dovesse essere in giardino e invece era in casa, per una settimana. Ma lo mollano da solo in giardino senza che nessuno si occupi di lui??? Non saranno in malafede, ma scemi lo sono di certo. Io se vado in vacanza lascio le chiavi ad un vicino che da da mangiare ai miei piccoli e li controlla e così fanno tutti quelli che conosco e se non possono lo portano in una pensione. Vabbè…

  7. già già… purtroppo altri dettagli non ne abbiamo trovati.

  8. I padroni erano convinti che fosse in giardino… Ma anche fosse stato, sarebbe meno grave? In giardino cosa avrebbe mangiato, topi?? Nell’articolo non si capisce bene la questione, comunque sia rimango disgustata, per la legge è meglio far morire in modo atroce un animale innocente che forzare una porta. Vergogna.

  9. infatti…

  10. Per fortuna questa vicenda si è conclusa bene però è incredibile non rendersi conto di dove si trovi il proprio gatto! Sicuramente i proprietari saranno stati in buona fede ma occorre porre grande attenzione nella gestione di un animale che si decide di tenere in casa… E’ a tutti gli effetti un membro della famiglia… Qualcuno partirebbe senza aver capito dove si trovi e come se la possa cavare uno della famiglia???

  11. se ci sono andati i vigili del fuoco e la polizia municipale ..non credo che sia reato ..se ci andava un privato si..

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com