Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Genova: pulcino d’aquila reale con le ali tagliate, denunciato contrabbandiere

Genova: pulcino d’aquila reale con le ali tagliate, denunciato contrabbandiere

Aveva le ali tagliate, era fortemente denutrito ed era stato nascosto sotto il sedile di un’auto, l’aquilotto di tre mesi intercettato a Genova.

A cercare di importarlo in Italia attraverso il porto della città ligure un cittadino tunisino denunciato a piede libero dagli agenti del Corpo Forestale dello Stato.

L’aquilotto, davvero malridotto, appartiene alla specie dell’aquila reale – inclusa nella lista rossa degli animali gravemente minacciati e pertanto protetta dalla Convenzione di Washington.

A scoprire il rapace sono stati gli agenti della Guardia di Finanza in collaborazione con l’Agenzia delle Dogane di Genova. Il pulcino si trovava nascosto sotto il sedile, nella vettura del tunisino. Il contrabbandiere gli aveva mozzato le ali per non permettergli di fuggire.

È a quel punto intervenuto il Nucleo Operativo CITES, che ha prelevato l’aquilotto e lo ha sequestrato.

Il cittadino tunisino è stato denunciato per aver violato la legge 150/92, che applica la Convenzione di Washington in Italia, e rischia non solo un’ammenda fino a centomila euro, ma anche la reclusione fino ad un anno.

Inoltre, considerato lo stato di grave deperimento del pulcino e le mutilazioni cui è stato sottoposto, potrebbero esserci gli estremi anche per una denuncia per maltrattamento.

Il piccolo rapace verrà affidato ad un centro di recupero che dovrà occuparsene d’ora in poi.

Ora, tuttavia, i Forestali non escludono che l’episodio non precluda ad un vero e proprio traffico illecito di aquile reali su scala più ampia.

Nella foto: un esemplare di aquila reale (repertorio. Fonte Flickr).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

3 Commenti

  1. mettano in galera il lurido bastardo con qualle diritto si prendono la vita degl’ altri essere viventi!

  2. Siamo una razza maledetta… sporchiamo ciò che tocchiamo, facciamo merce della vita altrui, dagli schiavi nei secoli passati fino agli animali visti soltanto come fonte di guadagno e non come delle vite che hanno il diritto alla libertà secondo la loro natura.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com