Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Imperia: da ottobre a gennaio lo sterminio del 90% dei cinghiali

Imperia: da ottobre a gennaio lo sterminio del 90% dei cinghiali

Inizierà il prossimo 3 ottobre 2012 e terminerà il 2 gennaio 2013 la caccia al cinghiale nella provincia di Imperia. L’obiettivo è l’abbattimento del 90% degli esemplari.

A darne notizia la webzine CacciaPassione, che segnala l’inizio dell’addestramento dei cani per la giornata del 25 agosto 2012.

Ad approvare il regolamento per la caccia il Consiglio Provinciale di Imperia.

Secondo la fonte della notizia, l’obiettivo fissato dal Consiglio prevede l’abbattimento del 70% di cinghiali entro i 18 mesi di età e del 30% degli esemplari adulti.

Se entro il 2 gennaio 2013 i cacciatori non avranno ucciso tutti i cinghiali come da regolamento, il periodo della caccia potrebbe addirittura protrarsi fino alla fine del mese.

La Provincia motiva l’abbattimento di quasi il 100% dei cinghiali con la necessità di “limitare i danni che questi animali provocano continuamente”.

Manifestiamo il nostro assoluto dissenso per questa decisione e, in generale, per la pratica venatoria.

Nella foto: gli occhi di un cucciolo di cinghiale (repertorio. Fonte Flickr).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

5 Commenti

  1. Questo è l’unico triste primato di cui si vanta tanto Imperia, la mia città. Del resto, come ho commentato prima nell’articolo sui poveri tacchini vivi gettati nel cassonetto, dove abito io li uccidono vicino alle case e non danno fastidio a nessuno! Mangiano qualche frutto, scavano, eppure tanti imbecilli nella zona non aspettano altro che farne salami e bistecche. Ne ho incontrati parecchi, uno l’abbiamo chiamato Silvano, dev’essere il capo branco, abbiamo visto le femmine con i cuccioli, eppure nella zona ora se ne vedono pochissimi e sabato e domenica si sentono solo spari.. a 3 metri dalle case… Spero che Silvano se la sia cavata….

  2. Infatti “un paese civilizzato” che fa l’ incivile

  3. BASTA A QUESTA ARROGANZA!! NO ALLA CACCIA!! MICA SIAMO AI TEMPI DELLA PIETRA!!

  4. Come è risaputo le attività venatorie generano lauti introiti nelle casse dello stato e un notevole volume d’affari nel circuito della caccia, tra attività illegali di bracconaggio, associazioni tra le più svariate ed altre nefandezze poco chiare in ambito politico.

    In certi stati africani (vedasi Kenya) a ridosso delle zone rurali il medesimo problema di distruzione delle coltivazioni è causato dagli elefanti notoriamente molto più grandi ed invadenti dei cinghiali che a fronte della crescente siccità arrivano ad invadere i campi ed a cibarsi delle colture.
    Nella loro miseria i contadini riescono ad interporre tra i confini dei propri campi delle funi imbevute di una miscela di peperoncino a mò di barriera che risultano essere particolarmente efficaci (ed economiche senza dubbio..) senza causare danni a nessuno, sebbene non senza sforzo tuttavia.

    Le politiche di ripopolamento delle aree venatorie sono state sbagliate fin da principio in ytaglia quando sono state introdotte senza cognizione di causa specie animali non autoctone il cui ciclo di riproduzione multiplo annuale tra l’altro è inadatto all’ areale secondario, nella fattispecie si può citare in particolare il cinghiale asiatico.
    Per non parlare poi del danneggiamento ai danni delle altre specie animali autoctone a seguito della summenzionata reintroduzione ed altre problematiche legate alla questione che si sono aggravate nel corso degli anni.

    Come sempre la colpa è dell’uomo che oltre a causare problemi a TUTTI guadagnandoci, vorrebbe risolverli senza etica né cura lucrando ulteriormente a discapito di soluzioni semplici, dettate dall’esperienza e dal buon senso.

    Tanto sono solo animali, non possono parlare e nemmeno ribellarsi, non è così?

  5. Monica ripamonti taylor

    Ma siamo impazziti completamente in italia? Queste sono Decisioni da paesi non civilizzati, infatti, come l ‘ italia. Porci sono loro

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com