Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / [VIDEO] USA: abbandona il cane in montagna durante una tormenta, rischia il carcere

[VIDEO] USA: abbandona il cane in montagna durante una tormenta, rischia il carcere

Rischia il carcere il 29enne americano che, lo scorso 5 agosto, ha abbandonato il suo cane in alta montagna durante una tormenta.

Il fatto è avvenuto in Colorado e l’accusato, Anthony Joseph Ortolani, racconta di essere stato “costretto” ad abbandonare il suo pastore tedesco di nome Missy sulla cima innevata di Mount Bierstadt all’avvicinarsi di una tempesta che, a suo dire, metteva in pericolo lui e il ragazzino con cui stava effettuando la scalata.

Secondo Ortolani, non era possibile aiutare Missy, che mostrava profonde lacerazioni sui polpastrelli a causa delle rocce aguzze della montagna e dunque non poteva più camminare.

Il cane venne ritrovato, solo e sperduto, dopo sei giorni da una coppia di escursionisti, Scott e Amanda Washburn.

“Camminavamo verso la vetta e io ero poco più avanti di mia moglie quando lei mi ha urlato di aver trovato un cane”, racconta Scott.

Missy si era nascosta in un microscopico incavo tra due grosse rocce ed era ormai allo stremo delle forze. Piangeva e si lamentava e gli Washburn la descrivono “in condizioni pessime”. Secondo Scott, Missy sarebbe morta di lì a poco se non fosse stata soccorsa, dal momento che, affamata e ferita, non era neppure più in condizioni di muoversi.

“Sapevamo che non potevamo farla scendere da sola dalla montagna, perché aveva le zampe ferite e persino sui gomiti non aveva più pelle”. Probabilmente, Missy aveva cercato di trascinarsi verso valle con il solo risultato si ferirsi ancora più gravemente.

A quel punto, gli Washburn sono riusciti a mettere insieme un gruppetto di otto volontari e sono tornati dove Missy si era nascosta. Prima di lasciarla, Scott l’aveva bendata come poteva ma all’arrivo del gruppo di soccorso, le ferite del cane si erano tutte riaperte, e sanguinavano così copiosamente da sporcare persino le rocce.

La missione di salvataggio di Missy è durata circa nove ore, perlopiù trascorse camminando in una tempesta. La cagnolina è stata poi riportata a valle all’interno di uno zaino, come potete vedere nella foto di apertura.

Ricoverata subito presso una struttura veterinaria della zona, Missy è stata presto ribattezzata “il cane del miracolo” soprattutto perché, nonostante la grave disidratazione e le estese ferite, non riporterà danni permanenti.

Cosa pensa il soccorritore Scott del comportamento del proprietario di Missy?

“Penso che le sue azioni mostrino che non è un padrone responsabile. Capisco che dovesse lasciarla lì. Anche io e mia moglie l’abbiamo lasciata lì. Ma poi siamo tornati a prenderla, subito e nonostante la fatica. A mio avviso il padrone di Missy è un irresponsabile a cui non importa nulla di lei”.

I coniugi Washburn vorrebbero ora adottare il cane, ma il paradosso è che l’ex proprietario ha chiesto di riaverla indietro.

Secondo lo sceriffo della Contea, il sergente Rick Safe, “Il cane, in pratica, è stato abbandonato lassù e Ortolani non ha neppure tentato di soccorrerlo. Addirittura dopo tre giorni ha pensato fosse morto e quindi ha continuato a non fare nulla”.

Al momento attuale non è chiaro se Missy potrà essere adottata dai suoi soccorritori o se dovrà essere restituita all’ex proprietario, ma Ortolani dovrà comunque rispondere del reato di crudeltà verso gli animali, che negli USA prevede non solo multe salatissime, ma anche la reclusione in carcere.

L’uomo comparirà davanti al giudice il prossimo 16 ottobre. Rischia 18 mesi di prigione e una sanzione di 5000 dollari.

Nella foto: Missy finalmente soccorsa (fonte).

Di seguito: il video sulla vicenda.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

6 Commenti

  1. Nn deve assolutamente tornare col suo ex proprietario ke ha dimostrato di fregarsene altamente di lei, deve invece essere affidata alla coppia ke l’ha salvata….

  2. silvia carosso

    Assolutamente non restituirgli il cane. Si è dimostrato un proprietario irresponsabile ed al quale nulla importava del proprio animale. Capisco lasciarla sul momento, ma dopo avrebbe immediatamente dovuto ritornare a soccorrerla. L’adozione alla coppia che l’ha salvata mi sembra il minimo che debba essere fatto. A quella sottospecie di essere umano che l’ha abbandonata…farei fare la stessa fine

  3. Concordo pienamente.
    Aggiungo divieto a vita di possedere qualunque tipo di animali e adozione immediata alla coppia che l’ha trovata.

  4. ergastolo….ai lavori forzati..no abbandonato in alta montagna sotto la tempesta…bastardo non dateglielo piu’ il cane lo abbandonerebbe ancora alla prossima difficolta’

  5. Spero davvero che Missy sia data in adozione ai soccorritori… povera piccola, quali sofferenze ha dovuto sopportare con le sue povere zampine sanguinanti: freddo, fame, solitudine…
    Quell’essere abbietto che l’ha abbandonata senza nemmeno più curarsi delle sue condizioni non merita certo di tenerla con sè! Nell’era dei telefonini e dei mezzi di soccorso più moderni non ha nessuna scusa di averla abbandonata così!

  6. stammati.gennaro

    PENA DI MORTE

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com