Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / [VIDEO] Brescia: colonia felina sterminata per fare posto ad una strada

[VIDEO] Brescia: colonia felina sterminata per fare posto ad una strada

Di seguito il comunicato stampa rilasciato da OIPA Brescia in merito alla strage di gatti compita a Paratico, Brescia, per far posto ad una nuova strada.

“Travolti e uccisi gattini di 20 giorni. I felini erano accuditi dall’OIPA e tutelati dalla legge

Venerdì 3 agosto la colonia felina di via Tengattini a Paratico (BS), riconosciuta dalla ASL e accudita dai volontari OIPA di Brescia, è stata rasa al suolo dalle ruspe incaricate dal Comune di iniziare i lavori per la costruzione di una nuova strada. L’OIPA aveva concordato con il vice sindaco lo spostamento della colonia proprio per far spazio ai lavori previsti per settembre ma, nonostante l’accordo, i lavori sono partiti senza dare preavviso ai volontari.

Prima: un grande prato con alberi e cespugli a fare ombra sulle casette di legno che ospitavano 11 gatti adulti e 4 micini di 20 giorni non ancora svezzati. Ora: una spianata di terra con cumuli di macerie, tra cui le casette distrutte e i corpi dei micini che non sono riusciti a fuggire dalle ruspe. Il sopralluogo dei volontari ha infatti permesso di ritrovare il corpo di uno dei gattini morto, mentre 7 adulti mancano all’appello.

Domenica 5 agosto le guardie zoofile OIPA di Brescia hanno quindi inviato alla Procura della Repubblica di Brescia una comunicazione di notizia di reato a carico di ignoti per violazione dell’art. 544 bis “uccisione di animali” e 544 ter “maltrattamento di animali” del Codice Penale, oltre ad aver fatto richiesta urgente al Comune di Paratico affinché interrompesse temporaneamente i lavori. In questo modo i volontari già questa mattina avrebbero potuto cercare gli altri gattini, verificando che non fossero morti o feriti tra le macerie, e individuare gli adulti scappati per il terrore.

Tuttavia da questa mattina fino alle 14 di oggi i lavori proseguiranno regolarmente, portando quindi a termine la rimozione delle macerie, all’interno delle quali si trovano con ogni probabilità i corpi degli animali uccisi. Questo potrebbe inoltre configurare l’illecito di smaltimento irregolare di carcasse animali.

“Il riscontro dato dal Comune è stato di completo disinteresse sia nei confronti dei felini uccisi, feriti e terrorizzati, sia del lavoro dei volontari che da oltre un anno si recavano quotidianamente ad accudire la colonia e a tenere pulita tutta l’area che li ospitava, nonostante la legge nazionale 281/91 sancisca che sono Comune ed ASL di competenza a dover provvedere alla sterilizzazione e alla cura dei gatti in libertà” ha sottolineato Anna Corsini, Coordinatrice delle Guardie Zoofile OIPA di Brescia. “Grave anche la mancanza della ASL di Brescia che non ha trasmesso al Comune i documenti relativi alla registrazione delle colonia avvenuta, su richiesta dell’OIPA, nel dicembre scorso”.

Inoltre la legge regionale Lombardia 33/2009 prevede all’art. 111 che “I gatti che vivono in stato di libertà sono protetti ed è vietato maltrattarli o allontanarli dal loro habitat. Se il comune, d’intesa con l’ASL competente, accerta che l’allontanamento si rende inevitabile per la loro tutela o per gravi motivazioni sanitarie, individua altra idonea collocazione, nel rispetto delle norme igieniche”

L’OIPA provvederà quindi a presentare una denuncia all’autorità giudiziaria nei confronti dei responsabili di questi atti perché non è accettabile che siano solo i volontari delle associazioni a chiedere che venga rispettata la legge, mentre gli enti preposti agiscano nel totale disprezzo della normativa vigente, ma soprattutto della vita.”

Foto: repertorio (fonte).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

8 Commenti

  1. Maledetti figli di puttana, che paese di merda l ytaglia è proprio terra bruciata, dovete iniziare a morire pezzi di merda.
    E’ vero, c’è la legge solo per i ricchi, i deboli, i poveri e gli emarginati, persone o animali che siano non producono profitto e sono solo un peso, per loro non c’è niente altro che dolore e morte.
    Mi sento male, mi fate schifo meritate solo la morte.
    Vi auguro di morire, proprio su quella strada che state costruendo, dal primo all’ultimo!

  2. scusate perchè denuncia contro ignoti?????? si sa di chi è la colpa no?? di chi guidava e di chi ha dato il via, e di chi non ha fermato i lavori..ecc… inutile continuare.. la legge va rispettata!! sto male se penso a quelle creature innocenti… tanto affetto per le volontarie e tutto il mio rispetto per il loro lavoro fatto con amore… teneteci aggiornate perfavore…

  3. Che vergoagna! Ma la legge dov’è?Possibile che inq uesta Italia tutti possano fare cosa vogliono senza rispetto per niente e nessuno? Aspetto anch’io di sapere in merito a petizioni a denunce e nel frattempo faccio saperea più persone possibili.

  4. lo faremo certamente.

  5. stammati gennaro

    pena di morte

  6. CHE BASTARDI FIGLI DI **********************!!! E’ un fatto gravissimo!!! Ma quei maledetti che azionavano le ruspe come vivono e ragionano???????? Oltre alla gravissima colpa degli enti locali preposti e responsabili qui c’è la mancanza totale di rispetto per la vita! Che male facevano quei poveri gattini? Ma come si fa a schiacciare degli esserini indifesi con una ruspa?? Spero che questa gente sia ritenuta responsabile e punita, anche se non sarà mai abbastanza per il male che hanno fatto e soprattutto che la loro vita sia travolta dal dolore e che non trovino nessuno ad aiutarli come hanno fatto con quei micini!!! Mi spiace ma per gente così non ho e non riesco a concepire pietà!
    Se ci sono petizioni da firmare, denunce da sostenere teneteci aggiornati per favore.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com