Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Cane in gabbia buttato nel canale: era già morto e il microchip è asportato

Cane in gabbia buttato nel canale: era già morto e il microchip è asportato

Potrebbe essere stato un veterinario ad asportare il microchip che identificava il proprietario del cane ritrovato morto, chiuso in gabbia, in un canale di Ferrara.

Dell’episodio avevamo parlato più in dettaglio in questa news. Tuttavia Geapress ha rilasciato nella giornata di ieri nuovi, inquietanti particolari.

Il corpo dell’animale è stato sottoposto agli esami autoptici di rito presso il locale Istituto Zooprofilattico.

La dottoressa Chiara Berardelli, direttrice dell’area di Sanità Pubblica Veterinaria dell’ASL di Ferrara, che ha eseguito l’autopsia, riporta che l’animale era già morto prima di essere gettato in acqua.

Nei polmoni del cane non era presente acqua e si suppone che il decesso possa essere avvenuto per avvelenamento.

Il meticcio di grossa taglia, un lupoide di sesso maschile, avrebbe però subito di peggio: l’eliminazione del microchip attraverso una ferita sul collo troppo professionale per essere stata eseguita da un profano. Potrebbe dunque essere stato un veterinario ad aiutare l’aguzzino a coprire le sue tracce.

L’ipotesi è di quelle che lasciano ancor di più l’amaro in bocca, e resta da chiarire la motivazione del sadico gesto di rinchiudere il cane in una sorta di gabbia di maglia per poi gettarlo nel canale.

“Un taglio perfetto”, dichiara a Geapress la dottoressa Berardelli, riferendosi all’asportazione del microchip, “di questo ne sono certa. Una mano esperta. Forse un veterinario”.

È altresì sospetto che il cane sia stato gettato a due passi dal canile di Ferrara, come se il sadico che l’aveva ucciso volesse vantarsi dell’atto di violenza proprio con chi, dei cani, si prende cura.

Si ritiene comunque che l’animale, scoperto lunedì mattina, sia stato ucciso durante lo scorso weekend, forse nella notte di domenica.

Non ci sono, al momento, indizi sull’identità del cane. Chi fosse in grado di riconoscerlo dovrebbe comunque immediatamente contattare le forze dell’ordine di Ferrara.

Nella foto: il corpo del cane galleggia nel canale, all’interno della gabbia (foto Geapress).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

7 Commenti

  1. Ma che vite hanno persone che fanno queste cose? Se poi è coinvolto un veterinario tutto diventa ancora più grave… Povero piccolo e povere tutte le vittime della nostra indifferenza e della nostra ferocia.
    Penso che le punizioni dovrebbero essere davvero all’altezza di questi crimini, invece non si viene quasi mai a capo di nulla…

  2. Spero che questi miserabili soffrano per bene lontano da tutto e tutti prima di crepare, questa sarebbe giustizia.

  3. nnoooooooooo dove stiamo andando ….chi siamo ? non abbiamo dignità e amore ….non ho parole ….spero sia solo il gesto di un pazzo ! che tristezza !

  4. Io ci butterei l’assassino e il veterinario chiusi in gabbia e nel canale ma sarebbe sempre poco

  5. o un macellaio,ragazzi!

  6. ma che vile gesto… cosa sta a significare…. seppellirlo no??? 🙁

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com