Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Addii / Le vittime della Breed Specific Legislation: Red

Le vittime della Breed Specific Legislation: Red

Red venne trovato randagio e senza padrone nel gennaio del 2008 dal South Gloucestershire Council, in UK.

L’accalappiacani in forze presso il concilio, Celine Jacobs, dichiarò a proposito di Red: “Questo cane aveva solamente un anno, era estremamente socializzato con i suoi simili. Persino quando un Jack Russell tentò di attaccarlo, Red non mostrò alcun segno di aggressività. Potevo toccarlo ovunque e baciarlo sul muso e stringerlo a me senza che manifestasse alcun problema. Era educato e si comportava bene. Probabilmente era il cane migliore che avessimo al rifugio, a quel tempo”.

Purtroppo, nel 2008 la Breed Specific Legislation, ossia l’infame legge che condanna a morte i cani per il loro aspetto, in base ad una loro presunta “pericolosità genetica”, era già in forze da diciassette anni. Ed è stata questa legge a condannare a morte Red, esattamente come è successo per Lennox, per Fudge, per Bear e Koda, per Ace.

Red, in più, non aveva neppure un proprietario che lo reclamasse e nessuno che volesse combattere per lui.

Venne esaminato da un presunto “esperto di razze” e considerato calzante con i criteri di un cane “tipo pitbull”. L’ordine di distruzione, per Red, fu pressoché immediato nonostante il suo temperamento mite e ben equilibrato.

“Mentre andavamo dai veterinari scodinzolava, mi leccava il viso. Mi leccava le lacrime dal viso. Non sapeva che lo stavo portando a morire. L’ho tenuto stretto per tutto il tempo mente scivolava via tra le mie braccia, in silenzio. Ho continuato ad abbracciarlo anche quando era già morto, piangendo disperatamente”.

Celine Jacobs spiega di essersi sentita vuota, in pezzi, distrutta dal dovere che le era stato imposto.

Successivamente dichiarò: “Red era un cane giovane ed amorevole e per quanto ho potuto verificare niente affatto aggressivo, né verso gli altri cani, né verso le persone. Sono diventata un’accalappiacani per salvare delle vite, non per uccidere animali per nessun’altra ragione che il loro aspetto”.

Red è uno dei nomi da non dimenticare mentre si continua a combattere per l’abrogazione totale della Breed Specific Legislation.

Nella foto: Red (fonte).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

5 Commenti

  1. Piccolo fratellino innocente… che tristezza quest’ennesima storia di barbarie e di ingiustizia.
    Basta guardarti negli occhi per capire… invece gli uomini “razionali” non sanno leggere l’anima degli innocenti e la loro ottusità diventa veicolo di morte assurda e disumana. Riposa in pace piccolo…

  2. Non avrei potuto scegliere parole migliori.

  3. Se l’uomo è un essere razionale io mi sto sbudellando dal ridere perchè è una fottuta barzelletta del cazzo.
    Red è così pericoloso per questi pezzi di merda che per mettere a pari si dovrebbero lavare col napalm come minimo.
    VAFFANCULO VI AUGURO SOLO DI ESSERE PRESI A MARTELLATE PER MESI PRIMA DELLA MORTE.

  4. piccolo red ti sei salvato dall mondo skiffoso degli umani

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com