Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / 2300 prosciutti DOP sequestrati dai NAS: i maiali erano nutriti coi rifiuti

2300 prosciutti DOP sequestrati dai NAS: i maiali erano nutriti coi rifiuti

Derivavano da maiali nutriti con immondizia i 2300 prosciutti DOP sequestrati dai NAS in una struttura agricola del mantovano. Si tratta, in particolare, di un’azienda che produce prosciutti DOP di tipo Parma, San Daniele e Modena.

La struttura, che alleva suini destinati alla macellazione, è accusata di aver nutrito i suoi animali con ingenti quantitativi di rifiuti speciali di origine animale e vegetale mescolati al normale mangime.

A intervenire e portare a termine il sequestro dei prosciutti è stato il Nucleo Anti Sofisticazioni di Cremona. Il sequestro, peraltro, ha riguardato anche 750 maiali presenti nell’allevamento e ben 30 tonnellate di scarti alimentari.

L’indagine era iniziata la scorsa primavera a seguito di una normale ispezione igienico-sanitaria nell’azienda che aveva portato alla scoperta di abnormi quantitativi di rifiuti speciali (scarti di lavorazione dell’industria alimentare).

Tali scarti, teoricamente, avrebbero dovuto essere trasportati ad un impianto di biogas per essere trasformati in energia, poiché questo prevede la normativa vigente. In realtà, erano ordinatamente stoccati all’interno dell’allevamento e venivano somministrati ai maiali come mangime.

La struttura sotto accusa, caratterizzata da una presunta produzione di prosciutti a Denominazione di Origine Protetta, ha prodotto circa 3500 prosciutti negli ultimi ventiquattro mesi. Il titolare, ora, dovrà rispondere delle accuse di frode in commercio e vendita di prodotti non genuini e di traffico illecito di rifiuti.

I prosciutti sequestrati dai NAS in questa operazione sono 1900 tra Parma e Modena DOP e circa 400 San Daniele, detenuti in stagionatura presso oltre 40 stabilimenti in Emilia e Friuli. Il valore dei prodotti è stimato in circa 300mila euro. Quello del rispetto degli animali, invece, è chiaramente zero.

Foto: maiali accalcati in gabbia all’interno di un allevamento (repertorio. Fonte).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

4 Commenti

  1. SIAMO LA FECCIA DELL’UNIVERSO !

    prima ci estingueremo e meglio sarà per tutto il creato.

  2. Se gli animali non fossero considerati “prodotti” e “fonte di reddito” ma esseri viventi senzienti e rispettati in quanto tali e se non si mangiasse carne queste cose non accadrebbero… Queste persone non hanno rispetto di niente e di nessuno!

  3. quegli specifici rifiuti non erano destinati all’alimentazione, ma da distruggere (“rifiuti speciali“). se questa la trovi una cosa “deficiente”… mah… che leggerezza nelle offese al lavoro altrui. ti ricordo anche che la sindrome della mucca pazza (Malattia di Creutzfeldt-Jakob) è stata causata anche da questo tipo di comportamento. forse dare agli animali i resti di sé stessi è molto più deficiente di questa notizia.

  4. questa mi sembra una notizia deficiente… gli scarti alimentari,… vengono comunque in seguito trasformati in mangimi per animali sotto forma di pellettato… e allora il problema dov’e’… da sempre i maiali son stati nutriti con avanzi di cibo… non vedo il reato… il reato piuttosto lo vedo nel fatto, che una ditta del mantovano possa produrre prosciutti del tipo San daniele…nel mantovano…quando dovrebbe essere una zona prevalentemente friulana!!! (Alla faccia del DOP!!!)

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com