Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Zimbabwe, sopravvive all’attacco della leonessa: “Mi fissava dritto negli occhi”

Zimbabwe, sopravvive all’attacco della leonessa: “Mi fissava dritto negli occhi”

Un contadino è miracolosamente riuscito a sopravvivere all’attacco di una leonessa in una zona remota nel nordest dello Zimbabwe.

Il fatto, relativo alla scorsa domenica, è stato riportato dai quotidiani del Paese e anche da alcuni magazine occidentali. La leonessa, che si trovava assieme al suo cucciolo di poche settimane di vita, si è trovata faccia a faccia con il contadino Joel Ngwenya nei pressi della riserva naturale di Hwange.

Il danno provocato dal felino è, tutto sommato, contenuto: l’uomo ha riportato ferite solamente alle braccia e, più leggermente, al tronco e si rimetterà nell’arco di poche settimane.

Si ritiene che la leonessa si trovasse sul posto alla ricerca di cibo per nutrire il suo cucciolo.

“La leonessa mi ha fissato dritto negli occhi mentre continuava a ruggire”, racconta il contadino dall’ospedale. E spiega che, vedendolo, si è limitata a immobilizzarlo a terra senza neppure morderlo.

“Faccia a faccia”: ecco come Joel descrive il suo incontro con uno dei predatori alfa più pericolosi del pianeta, ma specifica che non c’è stato alcun tentativo di sbranamento.

Mentre teneva l’uomo immobilizzato al suolo, la leonessa ha voltato la testa per controllare che il suo piccolo, distante qualche metro, fosse al sicuro. Poi si è nuovamente soffermata a fissare il contadino, come a valutare quanto pericoloso potesse essere per il cucciolo.

Infine, ha deciso di lasciarlo vivere: “Mi ha semplicemente lasciato lì e si è allontanata”, dichiara l’uomo con stupore, sfatando il mito che i leoni siano predatori letali nel 100% dei casi, se possibile.

Foto: una leonessa e il suo cucciolo (repertorio. Fonte).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com