Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Livorno: due cani sventrati, forse per estrarre ovuli di droga

Livorno: due cani sventrati, forse per estrarre ovuli di droga

Due cani sono stati ritrovati uccisi e sventrati nel livornese, e si presume che l’atto di violenza sia da ricondursi al recupero di ovuli di droga: i cani potevano essere infatti ignari corrieri.

Non è la prima volta che si parla di animali utilizzati per trasportare e contrabbandare ovuli. Già in questa news era risultato abbastanza evidente che questo tipo di azione non sia poi così improbabile.

I corpi senza vita dei due cani sono stati trovati rispettivamente venerdì e lunedì scorso.

A ritrovare il secondo animale è stato un residente della zona, che ha sentito un odore nauseabondo provenire da un campo nei pressi della strada sulla quale stava transitando, nella zona della Leccia.

Abbandonato a terra, c’era il corpo senza vita di un cane meticcio di grossa taglia. L’esemplare, una femmina, era un incrocio tra Dogue de Bordeaux e Pitbull e aveva fatto una fine atroce: il muso era stato bloccato con una fascetta da elettricista, e il ventre era aperto dalla gola all’utero. Dentro il corpo, una busta nera.

Il passante ha chiamato immediatamente le forze dell’ordine, e il corpo è stato sequestrato e trasportato in una clinica veterinaria.

Il precedente ritrovamento risale invece a venerdì scorso, e riguarda, secondo La Nazione, una femmina di Labrador. Paradossalmente, anche questo cane è stato ritrovato dallo stesso residente in un campo vicino a quello in cui sarebbe poi stato gettato anche il secondo animale. Considerate le condizioni dei due corpi, assai simili, non vi sono dubbi che i due casi siano collegati e che non si tratti semplicemente dell’azione di un sadico.

Dichiara Marta Gazzarri, capogruppo IdV al Consiglio regionale della Toscana: “Il sospetto è che dietro l’uccisione ci siano motivi di droga. Che i cani siano stati usati come corrieri e infine uccisi per recuperare il contenuto. Uno scenario orribile che, se confermato, apre la strada a una nuova forma di violenza sugli animali. Una forma ancora più crudele perché i cani sarebbero ora utilizzati come oggetti, alla mercé di spacciatori e poi uccisi non dal gesto di un folle, ma da un lucido proposito”.

Continua la Gazzarri: “Un modo orribile di trasportare illecitamente cocaina che fino allo scorso maggio, quando un uomo fu arrestato a Pontedera proprio per questo motivo, non aveva precedenti nel nostro Paese. Confido che la magistratura faccia piena luce sulla questione e che i responsabili vengano identificati”.

Commenta invece a Il Tirreno Ginevra Dini, volontaria OIPA che è intervenuta sul posto dopo il secondo ritrovamento: “Quella povera bestia aveva le interiora fuori dal corpo, semicoperte da una busta. Era stata tagliata al basso ventre. Le femmine di solito sono favorite perché possiedono un ventre più capiente, non avendo l’ingombro dei genitali maschili. Quindi l’eventuale presenza di ovuli o altra droga si maschera bene. E credo che non sia un caso che entrambi i cani trovati morti siano sprovvisti di microchip”.

Secondo la Dini, i due cani uccisi erano esemplari molto giovani: “Credo che avessero due, massimo tre anni. E il mio timore è che siano stati seviziati da vivi. Sulle fascette usate per chiudere il muso alla cagnetta trovata oggi, infatti, c’erano degli schizzi di sangue rosso vivo. Non posso neanche pensarci, è una cosa tremenda”.

Nella foto: le forze dell’ordine intervengono sul luogo del ritrovamento (fonte La Nazione).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

6 Commenti

  1. Alla Magistratura Italiana:

    Cani sventrati, seviziati, usati come oggetti contenitori e poi consapevolmente e coscientemente uccisi.

    Un nuovo tipo di violenza sugli animali comparso quest’anno per la prima volta in Italia.
    I cani naturalmente vengono rubati, spesso all’estero, e portati in Italia per mansioni usa e getta.

    Cani sprovvisti di chip per cui si rende impossibile il poter risalire ai proprietari, ed, di conseguenza spesso, anche ai carnefici.

    E’ un vero orrore.

    Servono pene più severe e serve che la Magistratura si adoperi al fine di indentificarne i colpevoli.

    Noi ci mettiamo la firma e l’impegno nel diffondere la petizione sul web!

    Partecipa, e chiedi anche te con noi giustizia per evitare massacri ai nostri fido !!

    http://www.petizionionline.it/petizione/cani-sventrati-usati-per-trasportare-droga-servono-pene-piu-severe/7594

  2. come si fa a fare delle cose del genere, come specie dobbiamo estinguerci.

  3. e il male s’ accanisce ancora di più con gl’ innocenti…mancava pure questa devono pagare …devono pagare questo è orrendo!!!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com