Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / UK: vivisezione mai così alta da 25 anni a questa parte

UK: vivisezione mai così alta da 25 anni a questa parte

Le ultime statistiche pubblicate nei rapporti del Ministero degli Interni del Regno Unito mostrano che il numero degli esperimenti animali praticati nell’UK è al livello più alto mai raggiunto negli ultimi 25 anni, con aumento di 68,100 procedure solo quest’anno.

Le statistiche, naturalmente, non menzionano ciò che è accaduto agli animali o quanto esattamente abbiano sofferto, ma si limitano a specificare la specie utilizzata e quale percentuale di esperimenti era considerata leggera, moderata o severa.

I test che coinvolgono i gatti sono saliti del 26%, quelli con i maiali del 36%, con gli uccelli il 14% e con i pesci il 15%. I test sui ratti sono diminuiti dell’11%, quelli sui porcellini d’India del 16% e quelli sui cani del 21%. Pare in declino anche la vivisezione sui primati.

Troy Seidle, Direttore di Ricerca & Tossicologia per la Humane Society International/UK ha definito il rapporto “profondamente deprimente per la scienza, per il progresso medico e per il benessere animale”.

Secondo il Ministero degli Interni, oltre 3,79 milioni di esperimenti sono iniziati nel 2011. Nel 1987, i rapporti parlavano di 3,5 milioni di esperimenti sugli animali. Gli attivisti per i diritti animali considerano questo incremento in completo contrasto con le promesse governative di ridurre al minimo gli animali utilizzati nella ricerca.

Martin Walsh, a capo della divisione Procedure Scientifiche sugli Animali del Ministero degli Interni si difende così: “Puoi essere in grado di ridurre il numero di animali utilizzati in settori specifici, ma l’aumento complessivo dei numeri tende a mascherare questa realtà. Non è certo qualcosa che si può ottenere in dodici mesi”.

Walsh continua asserendo che quello di ridurre gli animali nella ricerca è un “progetto con scadenza a lungo termine”.

Le fonti governative ribadiscono di stare implementando il progetto “3 ERRE” (reduction, refinement and replacement) ma sfortunatamente le cifre dicono tutt’altro.

“Le statistiche mostrano che lo scorso anno il 35% degli esperimenti sugli animali erano relativi a ricerche biologiche di base, perlopiù guidate dalla curiosità. Solo il 13% riguardava esperimenti diretti alla medicina umana o all’odontoiatria, mentre il 43% degli animali usati nella ricerca utilizzata creature OGM, ossia mutate geneticamente. L’uso di animali per le ricerche universitarie di base ha continuato a crescere (+7%). Questo incremento di vivisezione finalizzata a ricerche astratte o basilari, che non include trial per medicinali, è in netto contrasto con le dichiarazioni pubbliche delle industrie farmaceutiche, che parlavano di ricerca sugli animali finalizzata a testare cure per malattie specifiche”, ha dichiarato la BUAV, la British Union for the Abolition of Vivisection.

Foto: vivisezione (repertorio. Fonte).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

4 Commenti

  1. FINCHE’GLI ANIMALI SARANNO TORTURATI,UCCISI,per sporco lucro di pochi,CERCHERO’DI GODERE ogni volta che vedro’l’essere umano soffrire.E spero che le SPORCHE MULTINAZIONALI DEVASTATRICI DEL PIANETA POSSANO FALLIRE con lo schifo di prodotti cancerogeni che immettono ogni giorno sul mercato in tutti i settori,tratti dalla SOFFERENZA ANIMALE.BASTARDI MANDATECI I VOSTRI FIGLI A VIVISEZIONARE E RIDETEGLI DAVANTI QUANDO LI VEDETE SOFFRIRE ,come fate con i poveri animali.

  2. Facciamo i radicali e diciamo niente più umani e salveremo tutti gli altri.

  3. La popolazione dei bipedi umani devastatori del pianeta e delle sue creature è 6 volte superiore alla popolazione del pianeta di 25 anni fa (eravamo un miliardo e mezzo, ora siamo sette) quindi la vivisezione è aumentata di conseguenza: occorre il controllo delle nascite umane: diminuendo le cavallette umane, diminuisce l’orrore e la devastazione che provocano (MENO FIGLI UMANI, SE SI VOGLIONO SALVARE I FIGLI DEGLI ALTRI!)

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com