Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Processo al canile di Cremona: rinvio a giudizio per 5 imputati

Processo al canile di Cremona: rinvio a giudizio per 5 imputati

CANILE DI CREMONA, “CAMPO DI CONCENTRAMENTO”: RINVIO A GIUDIZIO PER 5 DEI 6 IMPUTATI. SODDISFAZIONE di LNDC, LAV e OIPA GIA’ AMMESSE PARTI CIVILI

Il giudice per l’udienza preliminare presso il Tribunale di Cremona Letizia Platè, su richiesta del pm Fabio Saponara, che ha definito il canile di Cremona “un campo di concentramento”, ha rinviato a giudizio cinque dei sei imputati dell’inchiesta sulle presunte uccisioni di animali ivi avvenute.

Non luogo a procedere per il veterinario Aldo Vezzoni il quale esce dal processo che si celebrerà avanti il Tribunale di Cremona in composizione collegiale il prossimo 18 dicembre.

Lega Nazionale per la Difesa del Cane (LNDC), LAV e OIPA già ammesse come parti civili all’udienza del 29 giugno esprimono soddisfazione per l’ennesimo passo verso l’affermazione della giustizia.

“Alla soddisfazione professionale, in questo caso amplificata dall’onore di poter rappresentare congiuntamente tre grandi associazioni animaliste –ha commentato l’Avv. Gian Luca Scagliotti- si accompagna sempre il rammarico che fatti come quelli per cui sono stati rinviati a giudizio gli imputati potrebbero essere evitati se gli enti preposti esercitassero le proprie funzioni di controllo. Naturalmente gli imputati saranno da ritenersi innocenti fino alla sentenza definitiva e ci sarà una lunga battaglia processuale, come è avvenuto finora: resta il fatto che l’impianto accusatorio ha superato il vaglio dell’udienza preliminare. Nel complesso –conclude il legale di parte civile- i riscontri oggettivi portati a conoscenza del Giudice erano di notevole rilevanza e solo la posizione di un veterinario risultava defilata ed in quel caso non sono risultati sussistenti sufficienti motivi per il rinvio a giudizio”.

“Abbiamo ritenuto di costituirci con unico legale – hanno dichiarato Laura Rossi, Gianluca Felicetti e Massimo Comparotto, rispettivamente presidenti di LNDC, LAV e OIPA – per far comprendere in modo inequivocabile che Lega Nazionale per la Difesa del Cane, LAV e OIPA lavorano su obiettivi comuni e portano avanti la battaglia dei diritti degli animali con ogni mezzo che l’ordinamento mette a disposizione e per primo il processo. Non diamo e non daremo tregua a chi si macchia di delitti nei confronti degli animali, nostri compagni di vita e non strumenti di arricchimento personale anche a danno della collettività.

Piera Rosati

dir. Ufficio Stampa e Comunicazione

comunicazione.sviluppolndc@gmail.com

Lega Nazionale per la Difesa del Cane

Via Catalani 73, 20131 Milano

cell. 335 7107106

Tel. e Fax 02 26116502

www.legadelcane.org

Foto: repertorio (fonte).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com