Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Philadelphia: taglia sull’aguzzino che ha dato fuoco a un pitbull

Philadelphia: taglia sull’aguzzino che ha dato fuoco a un pitbull

La Protezione Animali della Pennsylvania offre una taglia a chiunque possa fornire informazioni che portino all’individuazione e all’arresto dell’aguzzino che, qualche giorno fa, ha cosparso un cucciolo di pitbull di benzina per poi dargli fuoco.

La cagnolina, di nome Chloe, è deceduta alcune ore dopo essere stata trasportata d’urgenza ad una clinica veterinaria di zona.

“Si tratta di un caso di abuso animale estremo”, ha dichiarato Lisa Germanis, capo veterinario della clinica. “Un crimine odioso”, le fa eco la portavoce della SPCA, Wendy Merano.

Gli investigatori, che hanno già interrogato diverse persone, offrono una taglia di 500 dollari.

Chloe era stata trovata la scorsa domenica già agonizzante. Abbandonata su un marciapiede, era letteralmente ricoperta di ustioni gravissime.

Il cane era stato immediatamente trasportato in clinica, ma l’entità delle ferite aveva reso necessario un trasferimento in una struttura più specializzata. Niente da fare: Chloe non è riuscita a sopravvivere.

Le investigazioni da parte delle forze di polizia sono partite subito, nella convinzione – ormai divenuta legge – che la violenza nei confronti degli animali sia l’anticamera di quella nei confronti degli uomini. Si suppone che a dar fuoco a Chloe non sia stato un solo individuo ma un gruppo di persone, che ha agito senza un briciolo di compassione o rimorso. L’animale, prima di essere dato alle fiamme, è stato cosparso con un accelerante.

Chloe era stata ritrovata a seguito di una segnalazione telefonica anonima alle Guardie Zoofile. Non si conosce, fino ad ora, nessun dettaglio sulla vicenda: se la piccola sia stata data alle fiamme nel posto in cui è stata poi ritrovata oppure se sia stata trasportata lì in un secondo momento.

Il cucciolo di pitbull era microchippato, ma non c’è traccia del suo proprietario all’indirizzo segnalato nei registri. Anche nel suo caso, dunque, vi sono sospetti – se non di complicità, perlomeno di malcustodia di animale.

Nella foto: le gravissime condizioni di Chloe poco prima della sua morte (fonte).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

5 Commenti

  1. Il mio cuore si è fatto piccino piccino a qsta notizia come d’altronde x tutte le notizie ke riguardano maltrattamenti sugli animali…troppo comodo sfogare le proprie frustrazioni su esseri indifesi…se avete le palle prendetevela cn ki ha colpa e nn cn gli animali…povera cucciola…..ai colpevoli auguro una vita d’inferno piena di sofferenze fisike e psicologike

  2. FAREI MORIRE TUTTI ALLO STESSO MODO IN CUI LASCIANO SOFFRIRE GLI ANIMALI! BASTA ADESSO!! NON NE POSSO PIUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUU

  3. questo ha deciso di distruggere da solo il pitbull senza aspettare i giudici, ma che vadano tutti a morire di stenti BASTA

  4. Certe storie spaccano il cuore. Non ci sono parole anche solo per descrivere l’immenso dolore che possa aver provato questa piccina, colpevole di nulla, solo di essere nel posto sbagliato con le persone sbagliate. Riposa piccola Chloe, riposa ora dopo la tua breve e ingiusta vita. A voi che avete fatto questo, auguro di provare la stessa pena che avete inflitto a questo esserino: all’infinito, per l’eternità.

  5. stammati gennaro

    PENA DI MORTE

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com