Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Sequestro dello Stallo di Calderara: per alcuni, non è maltrattamento

Sequestro dello Stallo di Calderara: per alcuni, non è maltrattamento

Riportiamo a seguire la testimonianza di una volontaria animalista pubblicata sulla testata online ViverePesaro e relativa al sequestro della struttura Lo Stallo, a Calderara. Del fatto avevamo parlato qui, e avevamo riferito dell’ipotesi di maltrattamento di animali ventilata dagli organi istituzionali che hanno provveduto alla chiusura del canile e al sequestro dei cani ospiti.

Per correttezza di informazione, è nostro dovere riportare anche il contraddittorio di una attivista che ha direttamente avuto a che fare con la struttura, e che solleva dubbi sull’ipotesi di reato a carico dei proprietari della struttura.

“In questi giorni è avvenuto il sequestro preventivo allo Stallo di Pesaro a Candelara, molti cani sono già stati spostati al canile comunale ed altri aspettano di essere deportati. In pochi giorni è avvenuto sia il sequestro che la deportazione, cosa anomala in Italia, come se i cani fossero in terribili condizioni di salute, vi invito a visitare lo Stallo e vedere coi vostri occhi le condizioni di questi cani.

Cani che oggi sono vivi grazie a Marie Rose Ricciarini, una splendida donna che ha sacrificato la sua vita per dedicarsi a queste creature, e non un mostro come purtroppo in questi giorni qualcuno la sta definendo. Grazie a lei io, volontaria del sud, ho potuto salvare ben sei cani che ad oggi sarebbero morti e che invece non solo sono vivi e sani inoltre quattro di loro sono stati felicemente adottati. Come si può credere che queste splendide persone volontarie dello stallo possano aver maltrattato dei cani? Marie aveva un sogno costruire un rifugio per i cani in difficoltà, sicuramente la sua struttura non era perfetta ma ama queste creature e se invece di puntare il dito vi recaste allo Stallo potreste vedere coi vostri occhi l’amore e la dedizione di questa donna.

Ora questi poveri cani che già vengono da storie di maltrattamenti e abbandoni stanno subendo un ennesimo trauma. Vi prego adottate un cane dello Stallo di Pesaro, recatevi allo Stallo.”

Quale che sia la verità, ci si può solo augurare che per il bene dei cani venga portata alla luce in tempi brevissimi.

Foto: repertorio (fonte).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

Un commento

  1. Lo Stallo non è stato chiuso, ma solo posto sotto sequestro cautelativo, anche se è vero che un certo numero di cani è stato “trasferito” in un altro canile.
    Il fatto che le gestrici e tutte le volontarie esortino ad andare a vedere la situazione di persona, dovrebbe far pensare che probabilmente tra le accuse mosse e la realtà dei fatti, ci sia una certa distanza (che io stesso ho verificato).
    Concordo pienamente con la conclusione dell’articolo, che si faccia chiarezza al più presto!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com