Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / In Bahrain il problema randagismo non si risolverà più con i massacri

In Bahrain il problema randagismo non si risolverà più con i massacri

In Bahrain le leggi si muovono in sinergia con le richieste delle associazioni animaliste: il governo del Bahrain cerca di ridurre il massiccio problema del randagismo, ma con modalità compassionevoli.

In completa controtendenza ai brutali metodi ucraini, rumeni e spagnoli (solo per citarne alcuni), le istituzioni hanno stanziato 795,000 dollari a favore dei cani randagi del Paese. L’obiettivo non sono le uccisioni, ma il controllo delle nascite e le vaccinazioni.

“Penso si tratti di un grande passo avanti e comunque di qualcosa che avrebbe dovuto essere fatto tanto tempo fa”, commenta l’attivista Yara Hussein, aggiungendo che “le continue uccisioni degli animali sono state un altro buco nero dei continui abusi della vita in questo Paese. Sono felice di vederne la fine”.

Il programma di Spay, Neuter, Release verrà messo in pratica dalla locale protezione animali, la BSPCA, con la guida e la direzione dell’associazione animalista londinese Dogs Trust International.

Per ora verranno condotti studi su tutto il territorio per definire con esattezza l’entità del problema e le primarie zone di intervento.

“Praticamente ovunque nel mondo esistono municipalità specializzate in problemi animali”, spiega la BSPCA, “Ma non nel Bahrain. Non ci sono organi di controllo per i cani randagi, o organi di tutela. È proprio a causa di questo che molti animali finiscono uccisi a fucilate dalle forze dell’ordine nel tentativo di mantenere basso il loro numero nelle aree urbane e per accertarsi che non diffondano malattie”.

Si cerca pertanto l’aiuto degli stessi cittadini che, compilando appositi form, contribuiranno a identificare la chiave del problema: numeri, collocazioni, rischi. Si attendono risposte in questo senso entro l’estate.

“Ci rendiamo perfettamente conto dell’entità del problema e della quantità di animali per le strade. La nostra associazione dedica a loro l’80% del suo tempo”, continua la BSPCA, “Per questo abbiamo optato per questo programma: l’obiettivo è ridurre il loro numero in maniera umana. Il nostro team si è seduto ad un tavolo con le istituzioni, con i ministri e con il Dottorato per il Benessere Animale. Insieme abbiamo aderito a questa campagna”.

A partire dal prossimo settembre, le guardie zoofile gireranno per tutto il Paese alla ricerca di animali da vaccinare e sterilizzare.

“Renderli sterili è la migliore opzione, non certo ucciderli. Le nostre squadre li tratteranno con tutti i riguardi e li vaccineranno in modo che non infettino altri esemplari. Dopo la sterilizzazione, li re-immetteremo nel loro territorio con una targhetta all’orecchio per identificarli. Potranno mangiare e vivere normalmente senza più riprodursi, e così il problema verrà risolto. Siccome il Bahrain è una piccola isola, possiamo assicurarci di aver raggiunto i risultati che ci siamo prefissati perché di cani, qui, non ne migrano. Non possiamo più tollerare che vengano uccisi a fucilate o investiti dalle auto. Chiediamo a tutti di collaborare”.

Nella foto: un randagio (repertorio. Fonte).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

5 Commenti

  1. chi uccide ,sarà ucciso. con guerre e sterminii . lasciate vivere gli animali..mi rivolgo al sindaco.senza anima
    trovate soluzioni serene.aiutate .ad adottare .

  2. Meglio di prima sicuramente, tuttavia si potrebbe pensare anche ad una politica di adozione, piuttosto che la totale reimmissione nel territorio dopo le sterilizzazioni.
    Per fortuna che anche noi in Ytaglia avremo a breve le Guardie Zoofile assoggetate alla mercè assoluta della ASL Veterinaria, notoriamente conosciuta come Leggendaria Figura MItologica!! Cazzo io credevo che non esistesse, e sinceramente ne sono ancora straconvinto!
    Così si che gli animali verranno fottuti alla grande.
    Bella merda!

  3. E speriamo che sia davvero così!…..

  4. ah! il bahrain..potremmo fare uno scambio culturale…loro insegnano ai civili occidentali il rispetto per i diritti animali e noi quello per i diritti umani…

  5. stupenda la notizia ,vedo che si mette nella civilizzazione a passo di giganti,ma spero che …non cambi più in la dal momento che sono civilizzati!!!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com