Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Savona: pensionato raccoglie piccione in difficoltà. E lo soffoca a morte

Savona: pensionato raccoglie piccione in difficoltà. E lo soffoca a morte

Follia dilagante un po’ ovunque, in questi giorni, ai danni degli animali: a Savona un pensionato ha raccolto un piccione in difficoltà soltanto per soffocarlo a morte.

La notizia, riportata da GenovaOggi, è brutale e solo relativamente insolita – perché la creatività dell’uomo è senza fine, quando si tratta di violenza.

Il piccione che vedete nella fotografia è l’esemplare ucciso dal pensionato.

Il volatile, in grande difficoltà, si trascinava a fatica sul marciapiede di corso Tardy e Benech, a Savona, all’altezza dell’ufficio postale.

Il gesto del pensionato, che gli si avvicina e lo raccoglie, sembra compassionevole, ma non lo è. L’anziano avvolge l’animale in numerosi fogli di carta, stringendo forte, e poi lo infila in una borsa.

Tra i passanti, chi si accorge del maltrattamento tenta una protesta, ma l’uomo non viene fermato e si allontana con il suo fagotto.

Solo allora una signora contatta ENPA Savona e racconta quanto accaduto. Le guardie zoofile, giunte sul posto assieme alla Polizia Municipale, riescono in mezz’ora a rintracciare e identificare il pensionato. Ma quando si interviene sul volatile, ancora chiuso nella busta e nella carta, è troppo tardi: è morto soffocato.

Per l’anziano si profila una denuncia per maltrattamento di animali con aggravante della morte. ENPA Savona ha già dichiarato di volersi costituire parte civile.

I piccioni, mal “pubblicizzati” e malvisti da tante istituzioni e tanti cittadini, sono un bersaglio facile, uno di quelli che si pensa di poter colpire nell’indifferenza generale.

Non può e non deve essere così per nessuna specie animale.

Il denunciato non ha comunque dato spiegazioni per il suo gesto di violenza.

Nella foto: il piccione ucciso (fonte GenovaOggi).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

7 Commenti

  1. Ad essere sincera, non amo molto i colombi, ma questa cosa e’ comunque una crudelta’, mi chiedo dove potra’ arrivare l’uomo “BESTIA” cosi’ mi viene da definire un essere cosi’ insensibile.

  2. Ho scritto “neme”. Scusate. Intendevo BENE.

  3. Se fossi stata tra i passanti, non mi sarei limitata ad una banale “protesta”.
    Semplicemente avrei agito. per il neme del piccione, ovviamente…

  4. Cara Luisa,

    il mio babbo, di ritorno in auto, si accorse di un piccione ancora vivo adagiato lungo il ciglio della strada.
    Lo raccolse e lo portò a casa, dicendomi:
    “Vedi se puoi fare qualcosa per lui…”.
    Portai qualla creatura dal veterinario, il quale gli diagnosticò una forma di enterite. Lo curammo e, una volta guarito, lo liberammo.
    Il mio babbo vive con me, al piano inferiore. Ho scelto di non lasciarlo solo, come farei con ogni creatura che amo.
    Spero che quel piccione sia ancora vivo e spero che, ogni tanto, si ricordi affettuosamente del mio babbo… ed anche di me 🙂

    Un bacio.
    Eli

  5. L’ UOMO HA PERSO LA RAGIONE …VERAMENTE SEMPREPIU CRUDELE

  6. Luisa Campanato

    Quel pensionato non andrá avanti molto tempo, perché sará vecchio, allora avrá bisogno di aiuto, e magari troverá qualcuno che lo soffoca in un sacco……..lo desidero tanto ¡¡¡¡¡¡¡¡

  7. … Vorrei trasformarmi in uno scarafaggio per poter appartenere ad una specie migliore di quella a cui appartengo…

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com