Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Croazia: sull’isola di Veglia è in corso la mattanza degli orsi

Croazia: sull’isola di Veglia è in corso la mattanza degli orsi

L’isola croata di Veglia è la più estesa e popolata del mare Adriatico ed è ora teatro di una mattanza: quella degli orsi. I mammiferi, considerati dannosi, stanno subendo un vero e proprio abbattimento indiscriminato.

Sono già undici gli esemplari uccisi, e all’appello ne mancherebbero soltanto due.

A detta delle istituzioni, gli orsi avrebbero raggiunto a nuoto l’isola durante la Seconda Guerra Mondiale e si sarebbero poi riprodotti a dismisura, fino a diventare fastidiosi per l’uomo e dannosi per l’economia locale.

L’isola di Veglia è anche l’unica sull’Adriatico ad essere abitata dagli orsi. Ancora per poco, viene da dire.

Uno dei cacciatori, responsabile dell’abbattimento di un esemplare di soli 3 anni di età e del peso di circa 80 chili, dichiara: “Devo dire che rispetto agli anni Novanta e al primo scorcio di questo decennio i problemi causati dagli orsi non sono più così gravi. Ci tormentano invece i cinghiali, altra specie autoctona, che pure si ciba di agnelli, distrugge colture e fa venire giù i secolari muretti a secco”.

Anche i cinghiali, dunque, hanno i giorni contati.

“I nostri sforzi sono concentrati sulla loro eliminazione”, conferma il cacciatore, “Anche se qualche orso qua e là si trova ancora sulla nostra isola”.

Probabilmente sono due, gli orsi rimasti in tutto sull’isola Veglia. E anche se sono pochi, e se ne stanno per i fatti loro, agli abitanti “umani” danno fastidio lo stesso.

Gli orsi erano giunti sull’isola a causa del sanguinoso conflitto jugoslavo, che per loro significava rovina dell’habitat, assenza di cibo e puro terrore. Gli animali avevano attraversato lo stretto canale tra la terraferma e l’isola e raggiunto Veglia.

Gli allevatori isolani parlano di migliaia e migliaia di agnelli uccisi. Una stima difficile da confermare o smentire, mentre è certo che mai gli orsi abbiano attaccato l’uomo, sull’isola.

Gli isolani, comunque, si sono detti spaventati da due relativamente recenti avvenimenti: il primo, riguardante un orso trovato a rovistare in un cassonetto per impadronirsi di un po’ di pane raffermo. Il secondo, relativo ad un altro esemplare che – incredibile! – aveva deciso di rubare un po’ di ciliegie da un giardino.

I cittadini definiscono queste “scorribande di animali” come episodi “preoccupanti e spaventosi”.

E allora mano ai fucili. Ai ladri di ciliegie e pane raffermo si risponderà a pallottole. Anche se gli orsi rimasti sono probabilmente soltanto due.

Quest’ennesimo episodio dimostra un assioma semplice: non è difficile convivere con l’orso. È impossibile convivere con l’uomo.

Nella foto: un orso (repertorio. Fonte).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com