Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Green Hill: otto denunciati per una nuova manifestazione contro il lager

Green Hill: otto denunciati per una nuova manifestazione contro il lager

Il terremoto anti-Green Hill non si ferma, neppure davanti alle denunce.

Nella giornata di domenica circa 200 manifestanti si sono riuniti di fronte ai cancelli del lager per Beagle da vivisezionare, a Montichiari. Si è trattato dell’ennesima manifestazione nei confronti dell’allevamento appartenente alla multinazionale americana Marshall, messa in atto per mantenere alta l’allerta nei confronti della modifica alla vergognosa legge sulla sperimentazione animale. Una legge, quella firmata quasi “a scatola chiusa” al Parlamento Europeo nel 2010, assai peggiorativa per le condizioni degli animali da laboratorio.

In Italia, adeguate modifiche all’articolo 14 potrebbero portare alla chiusura definitiva di Green Hill perché, di fatto, proibirebbero l’allevamento di animali destinati alla vivisezione all’interno del nostro Paese.

Perché questo sia possibile, tuttavia, è necessario che gli emendamenti migliorativi passino il voto del Senato. Un voto che ci si aspettava per questo mese di maggio e che invece pare destinato a slittare di alcune settimane, sembra per alcuni intoppi di ordine tecnico.

Gli attivisti anti-vivisezione avranno avuto bene in mente questo “scivolone” istituzionale quando, domenica, si sono presentati a Montichiari.

Inizialmente il presidio sembrava tranquillo. Ma poi è successo qualcosa: l’identificazione, il fermo e la denuncia di ben otto persone da parte del cordone di forze dell’ordine che ormai non abbandona mai il perimetro del lager.

Tre manifestanti sono stati fermati nel primo pomeriggio per aver cercato di avvicinarsi alle recinzioni: nei loro zaini, dice BSNews, sarebbero stati trovati arnesi da scasso.

È stata poi addirittura la Digos a identificare all’interno di un vicino campo altri cinque attivisti che si dirigevano verso i capannoni di Green Hill: anche per loro è subito scattata la denuncia per il reato di invasone di proprietà.

Ci piacerebbe vedere la stessa solerzia, puntualità e capillarità anche nei confronti degli aguzzini di animali.

Nella foto: alcuni dei piccoli liberati da Green Hill nel corso del blitz dello scorso aprile (repertorio. Fonte).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

3 Commenti

  1. gennaro stammati

    PENA DI MORTE AL SENATO

  2. E’ paradossale che ci sia un accanimento contro gli attivisti anti-vivisezione che si limitano solo a difendere legittimamente tutti questi poveri cani. Tutte queste persone sono degli eroi che combattono ogni giorno contro questo sistema politico marcio e opportunistico !!! La sperimentazione animale è immorale oltre che inutile ma a tanti fa comodo perché dietro a tutto questo c’è un business considerevole!!!
    Perché tutti questi ” scienziati” non se la fanno su se stessi la sperimentazione animale????

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com