Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Finisce l’isteria Harry Potter: piccoli di gufo abbandonati a centinaia

Finisce l’isteria Harry Potter: piccoli di gufo abbandonati a centinaia

Finita l’isteria per Harry Potter con il capitolo finale della saga hollywoodiana, è arrivato il momento di mettere alla porta l’animale simbolo della terra del maghetto, il gufo.

Gli abbandoni si stanno registrando a centinaia in Gran Bretagna, e i gufi finiscono dritti negli ambulatori veterinari o nei rifugi – poiché, nella maggior parte dei casi, totalmente incapaci di vivere una vita selvatica.

È inspiegabile come centinaia di famiglie abbiano accettato di adottare un animale che non è fatto per la vita domestica, e altrettanto senza senso il fatto che vi fossero negozi disposti a venderlo. Il risultato è scontato: la vita vera non è un film, è molto più difficile, e non è così intuitivo prendersi cura correttamente di un rapace notturno.

I gufi sono predatori abituati a procurarsi da soli il cibo e hanno bisogno di molto spazio a disposizione. Inoltre, per inclinazione non sono – di norma – “pet” ideali. Tutte caratteristiche che lo spietato commercio di animali selvatici non ha assolutamente tenuto in considerazione.

I gufi ospitati dall’Owlcentre di Corwen, Nord del Galles, sono passati da 6 a 100 proprio a seguito della fine della saga di Harry Potter. Nel migliore dei casi, i rapaci sono stati ceduti direttamente dalle famiglie. Nel peggiore, ritrovati agonizzanti e malnutriti nei boschi.

Non è la prima volta che gli animali fanno le spese delle isterie da botteghino: in passato, era già capitato con i cani di razza Collie (Lessie), con i Dalmata (La Carica dei 101), con le tartarughe (Ninja Turtles) e con i pesci pagliaccio (Alla Ricerca di Nemo). Tutti, più o meno, hanno conosciuto una sola realtà, dopo l’entusiasmo iniziale: quella dell’abbandono.

Nella foto: un piccolo di gufo (repertorio. Fonte).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com