Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Terremoto: molti animali feriti macellati sul posto

Terremoto: molti animali feriti macellati sul posto

Il terremoto che ha colpito il centro nord durante lo scorso weekend ha registrato, oltre alle tragiche morti umane, anche tante vittime invisibili che nessuno ricorderà mai: gli animali.

Vittime dei crolli degli allevamenti in cui erano detenuti senza poter scappare, rimasti schiacciati dai tetti delle stalle collassate, prigionieri delle macerie: sono numerose, tantissime, le creature non umane che hanno pagato sulla loro pelle l’impossibilità a fuggire, a nascondersi, a trovare un riparo dal sisma.

Secondo Geapress, gli accertamenti per determinare il numero preciso di vittime animali del terremoto sono ancora in corso, perché i dati sono parziali, incompleti.

Quel che si sa per certo è che una delle zone più colpite è, naturalmente, quella emiliana – soprattutto nei comuni di Mirandola, San Felice sul Panaro e Finale Emilia.

Solamente in quest’area gli allevamenti di suini sono circa una quarantina. Possiamo solo immaginare quante migliaia siano gli animali detenuti.

Di questi quaranta allevamenti, almeno due sono stati gravemente colpiti dal terremoto. Il sisma avrebbe provocato la morte di circa cinquanta maiali.

Una quindicina è stata ritrovata ferita ed è… stata soccorsa? No. È stata macellata in loco.

Anche tantissimi animali illesi, ma ormai impossibilitati a rimanere all’interno dei capannoni crollati, sono stati trasferiti al mattatoio e uccisi. Secondo Geapress, si tratta di circa 500 esemplari.

Ai maiali, da sempre vituperati e maltrattati, è toccata la sorte peggiore – il soccorso per i feriti si è concluso con un “compassionevole” sgozzamento mentre per molti dei sani s’è anticipata la mattanza.

Per quanto riguarda i bovini, solo una mucca è rimasta uccisa nel terremoto. Le altre sue compagne sono state trasferite in strutture meno danneggiate.

Inutile specificare che questi decessi vengono banalmente conteggiati dalle strutture come perdite di denaro, e non certo della vita di creature senzienti tanto quanto noi.

Non ci sono ancora notizie in merito a canili e gattili della zona. Chi sapesse qualcosa, può informarci all’indirizzo teamall4animals@aol.com.

Nella foto: maiali uccisi dal sisma (fonte Geapress).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

3 Commenti

  1. Cristo santo, è una vera ecatombe!

  2. anna margarone

    Prego per le persone che sono morte. Auguro alle persone che vivono nelle tende di riavere la propria casa, ma il mio pensiero va a quelle povere creature maltrattate in vita e ammazzate senza pietà. Purtroppo non possono parlare e nemmeno difendersi e l’uomo grande grosso e cattivo fa di loro quello che vuole.

  3. ANCHE LORO HANNO PAGATO CON LA VITA

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com