Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Sarà presto possibile parlare con i delfini attraverso un ricevitore

Sarà presto possibile parlare con i delfini attraverso un ricevitore

Lo sapete che i delfini sono ritenuti secondi soltanto agli umani per quanto riguarda l’intelligenza? Eppure, nonostante questo, continuiamo a tenerli in cattività come pupazzi, ad obbligarli ad eseguire giochetti stupidi e a divertire il pubblico, come se non fossero creature pensanti e senzienti.

Tutti conosciamo il tipico verso che il delfino utilizza per comunicare.

Gli scienziati hanno studiato a lungo il linguaggio di questi cetacei giungendo alla (peraltro banale) conclusione che i delfini lo utilizzino per parlarsi l’un l’altro, e probabilmente per cercare di parlare anche con noi.

Il problema delle creature più intelligenti del pianeta – noi – è che non li capiamo.

Se potessimo, sarebbe un enorme passo avanti nella comprensione di quanto realmente intelligenti siano.

Proprio per questo gli scienziati stanno mettendo a punto una specifica apparecchiatura in grado di decifrare quello che hanno da dirci.

Si tratta di un team dell’Università di Tokyo, impegnato a lavorare con la compagnia hi-tech Fusion Inc. Insieme, hanno creato un ricevitore subacqueo in grado di registrare e riprodurre l’intera gamma di vocalizzazioni dei delfini.

Questo apparecchio non solo riproduce le basse frequenze degli animali (ossia quelle inferiori ai 20 kiloHertz), che possono essere udite e imitate dagli umani, ma anche i suoni ad alta frequenza che per noi sono impercettibili, e che possono arrivare fino ai 150 kHz.

“Il prossimo passo consiste nel ripetere fedelmente i suoni originari dei delfini utilizzando un trasmettitore. Una volta che questo apparecchio verrà completato saremo in grado di riprodurre per loro tutta la loro gamma sonora, con l’obiettivo di comprendere di più sulle loro abilità”, dichiara il ricercatore Yuka Mishima.

Il team spera che prendere nota delle diverse risposte date dai cetacei a ciascuno dei suoni possa aiutare a comprendere di più il loro misterioso linguaggio, in modo che l’essere umano, in un futuro prossimo, possa realmente intrattenere una conversazione con la seconda creatura per intelligenza.

Se questo progetto avesse successo, sarebbe cosa buona che i giapponesi ascoltassero con grande attenzione quello che i delfini hanno da dire, visto che continuano imperterriti a cacciarli e a macellarli per la loro carne (o per strane forme di tradizione).

Nella foto: l’apparecchiatura (fonte).

Di seguito: un video che mostra cosa accade ai delfini di Taiji, cacciati ogni anno col beneplacito del governo giapponese.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

7 Commenti

  1. Esatto: il nostro grado di compassione verso un essere vivente non deve dipendere dal grado di “intelligenza” verso questo o quell’animale. Altrimenti, sai quanti umani poco intelligenti ci sarebbero in meno al mondo…?

  2. credo che la traduzione rivelerà una interminabile sequela di insulti al nostro indirizzo..

  3. molto vero.

  4. Be’, però… sempre con questa storia dell’ “intelligenza” per cui un animale deve essere trattato bene solo perchè così assomiglia di più all’ (orrido) uomo… Triste concetto. La mia compassionenon sarà mai condizionata dal grado di intelligenza di OGNI creatura che amo.

  5. sì!

  6. Non è che ci vogliono dei professoroni e dei macchinari alla star trek per capire cosa direbbero i delfini ai giapponesi. Sarebbe un unica parola: VAFFANCULO!!!
    Ho vinto il nobel???

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com