Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Come Bozhidar: cucciolo usato come bersaglio vivente in USA

Come Bozhidar: cucciolo usato come bersaglio vivente in USA

La storia di questo cucciolo ricorda purtroppo quella del povero Bozhidar, cane randagio utilizzato come bersaglio vivente in Bulgaria, e successivamente seviziato. Il finale, tuttavia, è diverso: se infatti per Bozhidar non c’è stato nulla da fare, per il piccolo di Border Collie ritrovato a Blackfoot, in Idaho, c’è ancora una speranza.

È stato il veterinario che lo ha in cura a denunciare quanto accaduto. Il piccolo, 3 mesi e mezzo e una vita già da randagio, è stato con tutta probabilità sfruttato come bersaglio semovente di qualcuno che voleva fare pratica con un’arma da fuoco. L’animale è stato colpito da due pallottole, una che gli ha frantumato una zampa posteriore e l’altra che gli si è conficcata nella schiena.

“La maggior parte della gente sa che per uccidere un animale non gli spara in una zampa o nella schiena”, ha dichiarato il dottor Tony Parsons della Blackfoot Animal Clinic. “Per me, questo cucciolo è stato preso a bersaglio”.

Il piccolo è stato ritrovato assieme a due fratelli in campo, ad ovest della città, all’inizio della scorsa settimana. Era l’unico ad essere stato seviziato. Al momento del soccorso, giaceva in una pozza di sangue, quasi immobile. La donna che lo ha trovato dichiara: “Onestamente pensavamo che fosse stato gettato da un’auto in corsa. Quindi l’abbiamo subito portato dal veterinario”.

Ed è stato proprio a seguito di alcune lastre che la verità è venuta a galla in tutto il suo orrore: la piccola zampa posteriore del cucciolo era stata quasi spappolata da un proiettile calibro .22 mentre la seconda pallottola, sparata nella schiena, si era fortunatamente fermata nello strato di grasso sotto la pelle senza causare gravi danni.

La donna che ha trovato il cucciolo ha deciso di adottarlo una volta che starà meglio. Gli hanno già trovato un nome: si chiamerà Angel.

“Gli abbandoni sono comuni dove vivo”, dice la signora, “La gente si stanca dei suoi animali e li lascia per strada, senza curarsi se sopravviveranno o meno. Bisogna far sapere che queste cose continuano ad accadere”.

Per Angel è stata anche fondata una pagina Facebook a questo indirizzo.

Nella foto: Angel (fonte).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

7 Commenti

  1. malgrado la ferocia e la cattiveria di certe persone , sono contenta che angel se la sia cavata .purtroppo nn sempre è cosi . moltissimi muoiono . queste persone nn le considero umani , ma bestie feroci . godono nel ‘ammazzare questi poveri animali . bastardi , e pezzi di merda .

  2. spero che ora trova cosi tanto amore da mettere da parte il pensiero di sti schifosi, a cui auguro tutto il male possibile,da soffrire cosi tanto e rimanere da soli, senza aiuto, da non poter fare più niente.
    la pagheranno prima o poi.
    buona fortuna cucciolo <3

  3. allucinante… il mondo gira al contrario…

  4. Ricordo che quando vivevo in USA tra il 2004 e il 2006 successe una cosa molto simile a questa dell’articolo a Minneapolis, in Minnesota (vivevo lì vicino).
    Lessi che un povero cane fu torturato e ucciso in maniera selvaggia con un’arma da un balordo sempre ubriaco e noto tossicodipendente, che però grazie ad una spiata di quartiere fu rintracciato dal proprietario, un membro di una banda di motociclisti (il cane era della figlioletta).

    L’assassino del cagnolino fu massacrato di botte da una decina di bikers una sera mentre rincasava dal lavoro precario che aveva, e purtroppo questi finirono denunciati per lesioni gravissime anche se il tipo sopravvisse per un pelo.
    Io e la mia ex moglie partecipammo ad una colletta con quasi altre 700 persone da tutti gli USA per pagare le spese agli harleysti, ma furono purtroppo condannati a varie pene detentive per tentato omicidio e lesioni permanenti (il bastardo finirà i suoi giorni in sedia a rotelle, almeno questo…).

  5. gennaro stammati

    PENA DI MORTE

  6. soliti bastardi ma xche nn si sperano nelle palle!!!!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com