Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Campagne / [VIDEO] Schiavi senza nome: investigazione sugli allevamenti dei maiali nel bresciano

[VIDEO] Schiavi senza nome: investigazione sugli allevamenti dei maiali nel bresciano

“Le immagini di questo video sono state raccolte nella bassa bresciana all’inizio del 2012.

Queste sono le normali tecniche di allevamento e di detenzione per milioni di maiali nei paesi ‘civili’.

Questo è l’inferno quotidiano che abbiamo dietro casa a cui passiamo accanto con indifferenza.

Per dare voce a tutte le vittime dell’industria alimentare partecipa

SABATO 12 MAGGIO al CORTEO ANTISPECISTA PER LE VITTIME DELL’INDUSTRIA ALIMENTARE – CONTRO IL MEGA MACELLO – concentramento ore15.00 di fronte al casello autostradale di Manerbio (Bs) – autostrada A21 TO-PC uscita MANERBIO

Il video che è stato oggi pubblicato dal Coordinamento contro il Mega-macello, riporta le immagini di diverse investigazioni risaltenti ai primi mesi del 2012 nella bassa bresciana. La nostra opposizione al futuro impianto di macellazione di Manerbio, che ricordiamo diventerà il più grande d’europa, nasce da posizioni antispeciste che rivendicano il rispetto della libertà e della dignità degli animali non umani. Il mega-macello sarà un simbolo monumentale e terrificante della smisurata sofferenza dei miliardi di schiavi animali di tutto il mondo, costretti ad una morte truce e sistematica.

La sofferenza di questi animali, che trova la sua impietosa fine nei macelli, comincia alla loro nascita e prosegue con una vita di prigionia, maltrattamento, tortura e manipolazione. Abbiamo quindi deciso di pubblicare e diffondere le immagini che mostrano la realtà degli allevamenti di maiali della bassa bresciana. Realtà comune a tutti i luoghi di privazione di libertà, siano essi allevamenti di animali destinati alla macellazione o alla produzione alimentare, destinati ai tavoli dei laboratori di vivisezione o ad essere uccisi e trasformati in capi d’abbigliamento.

Vogliamo che tutti possano guardare gli occhi di questi individui e sapere cosa si nasconde in quei capannoni a pochi chilometri dalle loro abitazioni. Vogliamo che tutti possano guardare negli occhi chi è destinato ad essere ridotto ad un oggetto fin dai primi momenti della sua vita. Vogliamo dare voce alla sofferenza degli schiavi dell’umanità, le cui grida non possono altrimenti giungere alle nostre orecchie.

Invitiamo tutti a considerare come il primo passo per contrastare la violenza istituzionalizzata dell’industria alimentare sia sottrarsi ad essa adottando uno stile di vita Vegan, per la libertà di ogni essere vivente.

info:

www.controilmegamacello.blogspot.com

www.facebook.com/controilmegamacello

contromegamacello@live.it

infoline: 3312183383″

Di seguito: il video.

Foto: gli espressivi occhi di un maiale in un allevamento intensivo (fonte).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

5 Commenti

  1. c’e qualchuno ,che crede che animale allevato ”cosi” ,puo essere un alimento sano?

  2. mi rendo conto che tu preferisca credere a quello che racconta l’industria della carne in merito al benessere degli animali, piuttosto che alla triste realtà dei fatti. ti basterebbe andare su youtube a vedere quante centinaia di investigazioni hanno portato allo stesso risultato. ma ovviamente non esiste peggior cieco di chi non vuol vedere.

  3. Nel video vengono mostrati solo maiali con problemi, zoppi o con l’ernia. Oltre ad aver mostrato un allevamento in condizioni ” non ottimali” (mal ridotto) non é stato usato l’impianto dell’illuminazione dell’allevamento ma una sola torcia elettrica per dare un atmosfera da “horror” all’allevamento.

  4. gennaro stammati

    pena di morte

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com