Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Campagne / Settimana degli animali da laboratorio: anche essereAnimali si mobilita

Settimana degli animali da laboratorio: anche essereAnimali si mobilita

SETTIMANA INTERNAZIONALE PER GLI ANIMALI DA LABORATORIO

VENERDI 27 APRILE – BOLOGNA

Piazza di Porta San Donato – dalle ore 10 alle ore 11

Piazza di Porta Ravegnana – dalle 11.30 alle 13.30

Il gruppo essereAnimali ha realizzato un’azione dimostrativa per sostenere l’abolizione degli esperimenti sugli animali, una pratica crudele che causa sempre sofferenza, compiuta in silenzio anche a Bologna da università e ditte private.

Gli animali non sono a disposizione degli esseri umani, abbiamo il potere di allevarli e ucciderli, ma ciò non significa che queste azioni siano eticamente accettabili.

Grandi sagome raffiguranti dei roditori, la specie più utilizzata nei laboratori, sono state esposte quest’oggi a Bologna e sono il contributo di essereAnimali per sensibilizzare le persone circa le torture che subiscono questi esseri viventi. Il gruppo animalista era presente anche con del materiale informativo sull’argomento.

FOTO DELL’INIZIATIVA

Solo in Italia gli ultimi dati disponibili stimano purtroppo ancora un utilizzo di oltre 800.000 animali ogni anno e 99 stabilimenti utilizzatori solo in Emilia Romagna. Uno di questi è il dipartimento di fisiologia dell‘università di Bologna, in piazza di Porta San Donato, che utilizza scimmie, topi e altri animali, catturati nel proprio habitat o fatti nascere in allevamenti appositi.

Questi esperimenti vanno aboliti perché crudeli, risultato di una cultura antropocentrica che pone l’essere umano al centro del mondo. Dobbiamo cominciare a ripensare gli animali sotto un altro punto di vista e porre fine al loro sfruttamento.

Nascosti nei bunker inaccessibili dei laboratori delle grandi case farmaceutiche, o dietro l’indifferenza nelle luminose aule universitarie, i luoghi della tortura sono vicini a noi e non ne siamo consapevoli. A volte perché sono davvero segreti e distanti dai nostri sguardi, a volte al contrario proprio perché sono occultati dalla normalità e dall’abitudine, che non ci fa riconoscere la sofferenza, l’angoscia, la paura, i sentimenti universali. Anche a Bologna molti sono i luoghi, privati o pubblici, che detengono e torturano animali a scopi scientifici.

Dalla nascita, gli animali usati come cavie da laboratorio vivono rinchiusi in minuscole prigioni, privati della libertà e nell’angoscia perenne di torture inenarrabili. Su loro viene testato di tutto, dai nuovi prodotti cosmetici o farmacologici, immessi nel mercato, ai vaccini, gli impianti, le pratiche chirurgiche.

Come quasi tutti gli animali che la nostra società specista e antropocentrica ha inglobato, anche gli animali da laboratorio vengono considerati oggetti e privati senza scrupoli della loro libertà. Sottoposti e sfruttati per scopi umani. In questo caso vengono torturati più o meno a lungo, dalla nascita alla morte; in alcuni casi modificati geneticamente per nascere malati; in ogni caso uccisi e gettati via, quando non sono più utili.

La sperimentazione, più di ogni altra forma di sfruttamento animale, svela con maggiore evidenza la sua assurdità poiché cadono le giustificazioni con cui pretendeva di legittimarsi. Molti danni sono ricaduti anche sull’essere umano a causa dell’inesattezza su cui si fonda, delle differenze fisiologiche, chimiche e anatomiche che trascura. Non ci interessa rifiutare la vivisezione perché antiscientifica, ma perché crudele e specista, cioè discriminatoria. Ma sapere che la vivisezione che massimamente è fatta in nome della scienza, è antiscientifica è solo l’ennesima prova della motivazione unicamente economica di questo massacro. Dagli allevamenti, alle aziende che li trasportano, dai dottorandi universitari alle case farmaceutiche, in molti lucrano su queste torture.

In questa settimana in tutto il mondo si protesta contro la sperimentazione animale.

Anche nelle nostre città la crudeltà e l’orrore della vivisezione ci impone di reagire e opporci in tutti i modi alla tortura e alla discriminazione.

uccisione.

essereAnimali – diverse specie un solo pianeta

***

Chi Siamo

Il gruppo essereAnimali vuole diffondere il rispetto verso gli animali e la Terra attraverso la scelta vegan, sostenendo una critica all’industrializzazione e al consumismo.

Organizziamo azioni dimostrative, manifestazioni, conferenze, cene, corsi di cucina, tavoli informativi e documentiamo il trattamento che viene riservato agli animali all’interno della nostra società.

essereAnimali – diverse specie un solo pianeta

web: www.essereanimali.org

facebook: www.facebook.com/essereAnimali

mail: info@essereanimali.org

tel: 342 18 94 500”

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com