Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / [VIDEO] Bergamo: il minilager per cani nel bosco di Almenno

[VIDEO] Bergamo: il minilager per cani nel bosco di Almenno

È OIPA a svelare la questione: nei boschi di Almenno San Bartolomeo (BG) c’è un minilager in cui vengono detenuti vari cani da caccia, tra cui un cucciolo di circa quattro mesi di età. L’Organizzazione Internazionale per la Protezione degli Animali, quindi, chiede urgentemente al Corpo Forestale locale di intervenire e smantellare la struttura. 

È bastato un sopralluogo da parte dei volontari per rendersi conto delle condizioni in cui sono detenuti i cani. Rinchiusi in un unico gabbione arrugginito suddiviso, al suo interno, in tre spazi angusti. In queste gabbie sono detenuti dieci cani da caccia. Accanto alla struttura, una grossa mannaia che serve con tutta probabilità a fare a pezzi le prede uccise. 

Il gabbione in cui sono detenuti i cani è sprovvisto di tetto e coperto solo da un telo di plastica troppo piccolo, e considerato che nella zona alcune settimane fa sono stati raggiunti e superati i dieci gradi sotto zero, viene facile immaginare le condizioni di disagio in cui si sono trovati gli animali. Anche nel momento in cui veniva girato il video pubblicato da OIPA, ripreso da Geapress e da noi ripubblicato a seguire, i cani erano fradici. Questo perché nella zona di Bergamo diluvia quasi ininterrottamente da giorni, e le temperature sono piuttosto basse. 

È stato comunque grazie alla pioggia che i cani sono riusciti a bere. L’acqua che si trovava nelle loro ciotole era infatti fangosa, putrida. Le ciotole del cibo, ovviamente, erano vuote.

“Appare chiaro che si tratta di cani utilizzati per la caccia e poi rinchiusi in gabbia, proprio come si fa con uno strumento quando non serve più”, dichiara OIPA in merito a quanto scoperto.

“Sono realtà purtroppo molto diffuse nel bergamasco, il cane da caccia non è un compagno di vita per molti cacciatori, ma solo un ausilio, al pari del suo fucile. Tuttavia la legge tutela questi animali e tali condizioni di detenzione sono completamente incompatibili con le caratteristiche etologiche del cane, in quanto negano loro le più elementari condizioni di benessere fisico e psicologico”.

Restiamo in attesa di conoscere gli sviluppi della vicenda, sottolineando che se le autorità si mettessero d’impegno a fare controlli a tappeto nella zona, che conosciamo molto bene, salterebbero fuori fin troppe situazioni come quella appena descritta. 

Nella foto: il minilager per cani di Almenno San Bartolomeo nella foto di Geapress.

Di seguito: il video.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

2 Commenti

  1. anche nel bresciano i cacciatori trattano così i loro cani, rinchiusi per 11 mesi con poco cibo e portati fuori solo nel periodo di caccia. Il brutto è quando arriva un nuovo cucciolo, subito rinchiuso, che piange giorno e notte

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com