Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Vivisezione: il fronte del NO si allarga ovunque

Vivisezione: il fronte del NO si allarga ovunque

Sembrano essere sempre meno le persone favorevoli alla vivisezione. E questo nonostante gli strenui tentativi di difesa di una certa parte della comunità scientifica – quella che, per inciso, continua a far finta di non sapere che le alternative alla sperimentazione animale esistono e sono ben più efficaci.

È notizia di qualche giorno fa che a Trieste un gruppo di studenti laureati in scienze biomediche e, al contempo, attivisti animalisti (sì, le due cose sono conciliabili) ha creato una petizione online per chiedere al Rettore di non utilizzare fondi pubblici per l’ampliamento del reparto dedicato proprio alla vivisezione. Si tratterebbe di una somma di quasi 500,000 euro – e fa orrore pensare che possa essere investita in atrocità simili.

Anche all’estero, il fronte antivivisezionista si allarga e si compatta. In Israele, contrariamente all’Italia di Green Hill e Harlan, la Corte Suprema ha bloccato l’esportazione di 90 macachi destinati ai tavoli dei vivisettori. 

I giudici israeliani hanno motivato la sentenza dichiarando che “la società sta cambiando, e non è più accettabile quello che un tempo risultava accettabile. È importante tenere conto di questi cambiamenti sociali, specialmente quando si tratta di un tema così sentito dall’opinione pubblica come il commercio di animali destinati alla sperimentazione”. 

E l’Italia, in tutto questo, dove si colloca? A parte l’inascoltato grido di milioni di persone, a parte i presidi, le manifestazioni, i cortei e le petizioni, le istituzioni italiane dove stanno? Dove stanno, mentre i vivisettori hanno il pelo sullo stomaco di mettere in giro campagne pubblicitarie oscene come quella che presentiamo nella foto in apertura?

Foto: la campagna pro-vivisezione promossa in Italia.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

3 Commenti

  1. laura pescatori

    la vivisezione è un atto di crudeltà sadica, per chi è credente è dannazione satanica, assolutamente inutile

  2. Dovrebbero mettere un cartellone a fianco con il topo dopo l’esperimento per salvare la mocciosa: “Così ti abbiamo salvata?”
    Che figli di….

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com