Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Saviano: spara al cane della vicina e lo riduce in fin di vita

Saviano: spara al cane della vicina e lo riduce in fin di vita

Ha sparato al cane della vicina di casa perché era convinto che avesse ucciso le sue galline, il 41enne arrestato a Saviano. 

Il cane è in gravissime condizioni e lotta tra la vita e la morte. 

Sono stati i carabinieri della stazione di Cimitile a mettere le manette ai polsi all’uomo, incensurato. Ma non perché aveva sparato all’animale: soltanto perché deteneva abusivamente un’arma da fuoco. Questo perché, come ormai è notorio, il nostro reato (penale) di maltrattamento sugli animali non prevede l’arresto neppure in flagranza di reato. 

Diversamente dal solito, il nome del responsabile di quest’atto di violenza stavolta è trapelato: il 41enne si chiama Giuseppe del Giudice e risiede a Saviano. Ha colpito il cane con alcuni colpi di fucile da caccia, sotto gli occhi inorriditi della proprietaria dell’animale che ha subito chiamato i carabinieri.

Del Giudice si trova ora al carcere di Poggioreale.

Foto: repertorio, un cane ferito da un’arma da fuoco.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

7 Commenti

  1. Altro che denuncia ai carabinieri… gli mettevo una bomba in macchina e gli facevo saltare in aria la famiglia. Maledetto!!!

  2. AHAHAHAH BRAVAAAAAA,HAI AVUTO I “MARRONI ” ENORMIIIII , LA MIA DOMANDA è : PER CHE GL’ ANIMALI NON SONO TUTELATI DA CHI è DOVERE????

  3. MA LA LEGGE QUANDO VIENE APLICATA!!!???

  4. Che vergogna… c’é da pensare che il vero problema siano proprio le forze dell’ “ordine”, altro che la magistratura… :o(

  5. è stato denunciato, ma l’arresto è avvenuto per reati diversi purtroppo.

  6. Come non ci sono sanzioni o possibilità di denuncia? La legge 189 cita: “Art. 544-ter. – (Maltrattamento di animali). – Chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona una lesione ad un animale ovvero lo sottopone a sevizie o a comportamenti o a fatiche o a lavori insopportabili per le sue caratteristiche etologiche è punito con la reclusione da tre mesi a un anno o con la multa da 3.000 a 15.000 euro.” Io stessa ho DENUNCIATO perfino la Guardia di Finanzia per omissione di intervento, e ho pure vinto la causa.

  7. PENA DI MORTE A CHI HA SPARATO IL CANE.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com