Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Campagne / Strage di randagi in Albania, arriva la FIDAA

Strage di randagi in Albania, arriva la FIDAA

“Prima azione sul fronte internazionale della Federazione Italiana Diritti Animali e Ambiente, in difesa dei randagi dell’Albania. In rappresentanza del nuovo organismo, che vede per la prima volta riunite le più importanti realtà del settore in una struttura di tipo federativo, l’on. Michela Vittoria Brambilla, ha inviato ieri, unedì 9 aprile, una lettera-appello al primo ministro della Repubblica di Albania, Sali Berisha, “perché adoperi la Sua autorità” per impedire la strage di cani randagi annunciata a Perrenjas, davanti alla quale – spiega – “il nostro paese non può e non deve rimanere indifferente”.

Nella città dell’Albania orientale, infatti, il sindaco ha autorizzato, per combattere il randagismo, l’uso delle armi da fuoco. “L’Italia é pronta a fornire all’Albania, paese vicino e amico – comunica Carla Rocchi di Enpa, in una nota diffusa dalla Federazione – tutte le conoscenze delle procedure e gli aiuti per gestire in maniera civile e risolutiva il problema del randagismo”. “Questa notizia ci lascia interdetti – affermaLaura Rossi di Lndc – e il problema non si risolve certo annientando gli animali ma prendendo coscienza della necessita di interventi in linea con il sentire di un paese civile”. “Come organizzazione internazionale – spiega Massimo Comparotto di Oipa – siamo a conoscenza di altri paesi che hanno affrontato la questione randagismo in maniera decisamente diversa da quanto annunciato dal sindaco albanese, a dimostrazione del fatto che é possibile risolvere il problema senza ricorrere a stragi tanto inutili quanto crudeli”. “Ringraziamo l’ambasciata italiana a Tirana per l’importante sostegno – commenta Gianluca Felicetti di Lav – e siamo certi che continuerà nell’azione di sensibilizzazione delle autorità albanesi affinché le iniziative intraprese proseguano anche dopo la soluzione della vicenda di Perrenjas”.

Di seguito il testo integrale della lettera: “Illustre primo ministro, da notizie di stampa risulta che il sindaco di Perrenjas, città dell’Albania orientale, abbia autorizzato, a partire della mezzanotte di oggi, lunedì 9 aprile, l’uccisione dei cani randagi a colpi d’arma da fuoco. Sono certa che Lei converrà con me che questo metodo scelto per lottare contro il randagismo non possa essere proprio di un Paese come l’Albania, candidato all’ingresso nell’Unione europea, che sotto la Sua autorevole guida ha ottenuto importanti riconoscimenti internazionali. Mi permetto dunque di rivolgerLe un appello, anche nella mia qualità di rappresentante della Federazione Italiana Associazioni Diritti Animali e Ambiente, perché adoperi la Sua autorità per impedire l’imminente strage, come chiedono, peraltro, associazioni animaliste del Suo Paese. La ringrazio per l’attenzione, che sono certa non mancherà, avendo avuto modo di apprezzare personalmente la Sua grande sensibilità verso i problemi sociali e le richieste del popolo albanese. Mi consenta quindi di rinnovarLe l’espressione della mia amicizia e di ringraziarLa ancora per la piacevole serata trascorsa con Lei e la signora Berisha a sostegno dell’Albanian Children Foundation nell’ottobre del 2010. Michela Vittoria Brambilla”

Piera Rosati

dir. Ufficio Comunicazione e Sviluppo LNDC

comunicazione.sviluppolndc@gmail.com

Lega Nazionale per la Difesa del Cane

Via Catalani 73, 20131 Milano

cell. 335 7107106

Tel. e Fax 02 26116502

www.legadelcane.org

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

Un commento

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com