Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Sassari: la signora che minaccia di avvelenare i gatti

Sassari: la signora che minaccia di avvelenare i gatti

Riportiamo una lettera inviata alla direzione del magazine online Sassari Notizie, che racconta la disperazione di una gattara che si trova sottoposta alle minacce di una concittadina. La persona in questione non sembra gradire che qualcuno si occupi degli animali senza casa, senza famiglia, senza cibo. E minaccia ritorsioni pesanti.

“Caro direttore, 

le scrivo per chiedere la sua collaborazione per informare meglio i nostri concittadini sulle normative che regolano la protezione degli animali liberi nel comune di Sassari e per cercare anche di sviluppare una maggiore sensibilità al rispetto degli animali e di chi desideri prendersi cura di loro, nel rispetto delle regole esistenti. Da diversi anni ogni giorno mi occupo di due gatte che vivono all’interno di un cortile di Via Veneto.

Sulle scalinate accanto al cancello del cortile, quindi in luogo pubblico, ogni sera metto loro da mangiare, sostituisco l’acqua e verifico che il luogo sia sempre pulito e in ordine, secondo quanto previsto dal regolamento comunale (art. 20). Cerco anche di prendermi cura della loro salute: per una gatta è stata possibile la cattura e la sterilizzazione, fatta a mie spese. Anche altre persone offrono loro del cibo, a volte con contenitori.

Quando questo capita ed io me ne accorgo, li rimuovo per mantenere sempre tutto in ordine e pulito. Nonostante queste attenzioni ho dovute affrontare, in ripetute occasioni, discussioni pesanti e violente con persone che posteggiano le loro macchine nel cortile in cui vivono le gatte. Sino all’ultima di questo pomeriggio (domenica, ndr), in cui è stata fatta la minaccia di avvelenarle. In maniera aggressiva, mi è stato urlato di portare via le gatte (che non sono mie ma randagie) e che non devo più mettere da mangiare. Ho spiegato loro che le mie azioni non violano nessuna norma e che esercito solo una mia libertà, diffidando loro di far alcun male agli animali. Questa discussione è avvenuta davanti a dei bambini, il figlio delle donna con la quale ho avuto la discussione e un suo amico.

La signora parlava di “gatti di merda” e diceva di “fottersene” delle regole, a lei interessava solo che i gatti del cortile le avevano fatto dei danni alla macchina e che per questo pretendeva che io non dessi più loro da magiare sul luogo pubblico. L’amichetto del figlio ha tenuto a specificare che lui ama i gatti e non era d’accordo perché venissero maltrattati, mentre il figlio della signora, non più di 8-10 anni, era stato visto pochi giorni prima dare un calcio ad una delle due gatte: “tanto è un animale randagio”.

Davanti a questa situazione, chiedo la sua collaborazione e, chiaramente, segnalerò i fatti alle autorità. 

Nel ringraziarla le porgo i miei più cordiali saluti”.

Foto: repertorio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

6 Commenti

  1. Riflessione illuminante!
    LA STERILIZZAZIONE!!!

  2. francescamanimali

    la signora è proprietaria esclusiva del cortile?? consiglio di consultare le sentenze della corte di cassazione n.899 e n. 1394.

    mandatela a cagare…

  3. concordo!

  4. Alcuni umani dovrebbero essere sterilizzati, per il bene stesso dell’umanità.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com