Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Lotteria di Ronzo Chienis: in palio non più caprioli… ma permessi di caccia

Lotteria di Ronzo Chienis: in palio non più caprioli… ma permessi di caccia

È stata lievemente modificata la discussa lista premi relativa alla lotteria indetta dalla riserva di caccia trentina di Ronzo Chienis. Avevamo parlato ripetutamente negli scorsi giorni di come i responsabili della lotteria avessero messo in palio prede vive da abbattere a fucilate (inizialmente sembrava si trattasse di una femmina di capriolo, poi si è scoperto che in lista ve n’erano due) e di come l’idea avesse sconcertato gli animalisti.

Nonostante il muro di proteste, Ronzo Chienis non arretra in maniera sostanziale, limitandosi ad una modifica lieve dei premi in palio: non più i due caprioli da abbattere, ma un permesso di caccia per una certa tipologia di prelievo (ossia uccisione).

Se per Ivana Sandri, presidente di Flama d’Anaunia, si tratta di “un piccolo passo nella direzione sostenuta dai trattati comunitari, che riconoscono gli animali quali esseri senzienti e quindi portatori di diritti propri”, la decisione presa dalla Ronzo-Chienis scontenta comunque la maggior parte dei detrattori. In fondo, si passa dalla fucilata diretta al passe-partout per uccidere, e la sostanza è sempre uguale: alcuni animali verranno uccisi. 

Dichiara ENPA: “Ribadiamo ancora una volta la nostra ferma contrarietà all’uccisione di animali per divertimento, per lucro e per gioco. Tanto più se ciò accade nell’ambito di una lotteria a premi, con l’illusorio pretesto di un presunto scopo benefico”.

Per quanto riguarda la modifica del “premio”, ENPA resta ferma sulle sue posizioni: “Nella realtà dei fatti non cambia nulla, perché si tratta pur sempre dell’uccisione di animali. In altri termini la riserva Ronzo Chienis avrebbe puntato su una terminologia più soft, con l’obiettivo di alleggerire le polemiche. È necessario mettere in evidenza che gli animali, a qualunque specie essi appartengano, non sono oggetti da mettere in palio per lotterie e concorsi”.

Foto: un capriolo ucciso da un cacciatore.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

3 Commenti

  1. Karol Tabarelli de Fatis

    I mettere in palio la vita di un’altra creatura vivente la trovo semplicemente una barbarie, che indubbiamente non mette in buona luce il mondo venatorio, rendendolo sempre meno “simpatico” al grande pubblico.

  2. Propongo di mettere in palio il nuovo: nuova destinazione del luogo s t ronzo kienis; spazio ludico per i bimbi con i fucilini che presumono di essere esseri. Com’è?

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com