Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Una Pasqua senza sangue: il comunicato di AgireOra

Una Pasqua senza sangue: il comunicato di AgireOra

Riportiamo a seguire il comunicato di AgireOra relativo all’auspicio di una Pasqua 2012 senza sangue, senza crudeltà e senza morte di creature innocenti. 

È evidente che ci troviamo assolutamente d’accordo e invitiamo tutti a rivalutare le proprie scelte alimentari, calibrandole in modo da cagionare, possibilmente, nessuna sofferenza ai nostri fratelli non umani, che da un punto di vista legale diritti non hanno.

“La Pasqua sarà davvero ”buona“ solo se si elimina la crudele usanza di ammazzare i giovani agnellini. Ecco perché occorre evitare di uccidere agnelli e altri animali per la Pasqua, e come realizzare un pranzo di Pasqua gustosissimo e senza crudeltà per nessuno. 

Pensaci un attimo: gli agnellini ci ispirano tenerezza quando li vediamo, eppure a un mese di vita vengono strappati alle madri, costretti a lunghi viaggi terribili ed estenuanti su TIR strapieni, per arrivare a un lurido macello in cui gli animali terrorizzati vengono immobilizzati, storditi, appesi a un gancio per una zampa, e lasciati dissanguare. 

Prima di essere appesi sentono l’odore del sangue e le urla di terrore dei loro compagni. Tutto questo, perché? Solo perché a molti piace mangiarli! Non potrebbe esistere un motivo più futile per sottoporre questi cuccioli a tanta sofferenza, e alla morte. 

Ogni anno a Pasqua vengono uccisi 900 mila tra agnelli, capre e pecore. Animali che arrivano quasi tutti dai paesi dell’est, con lunghi ”viaggi della morte“, stipati in camion in condizioni insostenibili (molti arrivano al macello più morti che vivi) e mai sottoposti a controlli. 

Cosa puoi fare tu? 

Tu puoi salvarli! Non mangiare agnello a Pasqua! Non mangiare nessun animale, gli animali sono tutti uguali, uguali al cane o gatto che hai a casa o che conosci dai tuoi amici. 

Tutti provano sentimenti: paura, dolore, ma anche gioia, affetto, amore. Non c’è giustificazione per ammazzarli. 

Impara come iniziare passo-passo un’alimentazione ”senza crudeltà“ dal sito: www.vegfacile.info

Così la tua Pasqua sarà davvero ”buona“.” Prima di trasformarsi nel pranzo pasquale, agli animali destinati al mattatoio viene negata qualunque cosa dovrebbe spettare naturalmente ad una creatura vivente: non possono respirare aria fresca, non possono giocare con i loro simili, né fare qualunque cosa che rispetti il concetto biblico che dice che “la pietà di Dio è su tutte le Sue creature”. 

La Pasqua non è una celebrazione neppure per le galline negli allevamenti intensivi, che vivono in un perenne, doloroso confinamento all’interno di gabbie minuscole e luride.

I pulcini maschi vengono uccisi – a volte gettati via in agonia, altre volte soffocati, altre ancora triturati vivi – perché non producono uova, mentre le femmine vengono mutilate del becco.

Alla fine di questa vita breve e miserabile, questi animali vengono caricati brutalmente sui camion, privi di una protezione decente dagli elementi, per viaggiare nel terrore verso il mattatoio. Dove vengono sgozzati. 

Sottraetevi a questa barbarie. Spezzate il ciclo.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

Un commento

  1. Non solo la Pasqua senza sangue ma tutta la vita, si puo vivere senza carne credeteci!!!!!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com