Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Bolzano: spaccò la testa al suo anziano cane: non è reato

Bolzano: spaccò la testa al suo anziano cane: non è reato

Lascia davvero senza parole l’accoglimento della tesi sostenuta nella richiesta di archiviazione del PM: l’uomo che spaccò la testa al suo cane anziano e malato non avrebbe commesso alcun reato. Il procedimento penale nei suoi confronti è stato dunque archiviato per “mancanza dell’elemento soggettivo del reato”.

Il fatto era avvenuto nel gennaio del 2011 a Racines, nel bolzanese. L’uomo aveva portato il suo cane di 17 anni, che credeva morto, al depuratore di Campo di Trens per riporlo nella cella frigorifera. Passano circa ventiquattr’ore e all’ex indagato arriva una telefonata, in cui i dipendenti del Centro spiegano che all’apertura della cella frigorifera il cane era ancora vivo. Infreddolito, confuso, terrorizzato, abbandonato da quel “padrone” che doveva aver amato più di qualunque altra cosa, ma vivo. 

L’uomo non ci pensa due volte. Afferra un’ascia, prende la macchina, si reca al depuratore e finisce il cane spaccandogli la testa, davanti allo staff della struttura. Il tutto nella freddezza più totale. 

La corte ha inspiegabilmente ritenuto che non ci fosse né colpa né dolo, ma solo il fatto in sé, e che questo, da solo, non costituisse reato. Ma anche se ci fosse stata la colpa, l’uomo non sarebbe stato comunque punito perché per le nostre leggi, nel caso di maltrattamento di animali, essa non costituisce reato. La 544 bis, che viene presentata come una legge “tanto evoluta” nella protezione degli animali, non si applica infatti nei casi in cui la vittima viene maltrattata – o peggio uccisa – per negligenza o ignoranza. 

A quanto pare, il GIP di Bolzano ha ritenuto che l’azione dell’uomo che, lo ricordiamo, ha spappolato il cranio dell’animale utilizzando un’ascia, fosse “non crudele e necessaria” poiché il cane non era solamente anziano, ma anche malato. 

Una vergogna tricolore, che fa venire la nausea.

Foto: archivio

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

22 Commenti

  1. ‘Fanculo a tutte le leggi, la legge,come la politica del resto, non si mostra mai nè a di tutela dei diritti altrui, (animali compresi) nè a tutela della giustizia. Si rivela invece per quello che è, vale a dire uno strumento di potere e di controllo sulla popolazione. Non dobbiamo dimenticare che le leggi sono scritte da uomini per altri uomini ed oltre al fatto di non essere mai “assolute” sono anche talmente interpretabili da arrivare a negare perfino quanto enunciato nei suoi stessi articoli. Spesso una legge viene interpretata con ridicole contraddizioni. La 544 bis “non si applica nei casi in cui la vittima viene maltrattata – o peggio uccisa – per negligenza o ignoranza.” E da quando la legge *ammette* ignoranza? E’ evidente che quando non si è certi di un tornaconto (che stringi stringi poi è sempre economico) non vale la pena far abbattere la scure della legge su qualcuno per non stancare troppo il braccio del boia; però poi succede purtroppo che qualcun’altro l’accetta l’abbassa sul cranio di un cane o anche di un essere umano e non puo’ nemmeno essere perseguito, perchè per qualche ragione di comodo *non vale la pena procedere*. Pensa te, sono passibile di supermulte e di processo penale se scarico canzoni dalla rete ma posso tranquillamente spaccare la testa a un cane per rimanere poi con la fedina pulita. Seriamente… pensiamo davvero di vivere in uno stato di diritto?

  2. O.O non ho parole, che schifo!!!

  3. Leggi leggi è risaputo ke le leggi fanno giustizia solo per qualcuno. Ma leggi a parte non c’è giustificazione nè attenuante per un atto del genere. Tale pantani ke straparla a sproposito forse è di parte. Ke per caso fa il giudice?? Visto ke difende tanto la casta. Ci sono cose ke si fanno e cose ke non si fanno.Anke se si continuano ad aggiungere commi decreti etc ke guarda caso tutelano solo ALCUNI alla fine paga sempre ki non può difendersi. Voglio vedere se prendo un accetta e spacco la testa a qualcuno. Se dico di essere ignorante allora sono a posto così?

  4. quello che frega in questi messaggi è il velo di sarcasmo, fa passare la voglia di leggere. nessuno ha stravolto i fatti, nè geapress nè noi, e con questo, per quanto ci riguarda, il discorso è chiuso perchè è sterile da tempo. ribadiamo che è assai facile andare a fare sterili polemiche su un blog piuttosto che su una testata giornalistica. assai più facile. ma probabilmente tu conosci gli atti processuali di questo caso meglio di chiunque. saluti.

  5. …mi spiace che non sia stato letto in chiave costruttiva quello che ho scritto…
    ..non entro nei dettagli tecnici che darebbero una lettura semplicemente legittima (ossia rispondente alle norme e in questo caso a principi penali universalmente riconosciuti) delle richieste del PM, non perché non voglia, ma perché avete dimostrato che non vi interessano letture diverse a quelle fornite da voi, o meglio copiate dalla MITICA Geapress! Non ho commentato lì semplicemente perché non avevo letto quell’articolo prima che lo forniste voi.
    Un giornalista (rectius un tipo che scrive su internet, anche cose stilate da altri) non può essere orientato solo perché scrive su blog animalista e stravolgere per questo i fatti.
    Con questo vi abbandono nella speranza che la prossima volta leggiate gli atti processuali, magari ponendo un link al testo integrale, prima di commentarli.
    bacibaci!

  6. ribadiamo che questo non è il corriere della sera né una testata giornalistica, e che certe rimostranze dovrebbe andare a farle a geapress, visto che ritiene che ci siano evidenti incongruenze (?). l’archiviazione del caso in questione era nell’aria da mesi ed è stata semplicemente confermata. che il motivo ci sia o meno i fatti – inteso come quanto accaduto a quel cane – sono quelli ricostruiti e mai smentiti, con tanto di nomi e cognomi. nessuno scrive manuali di diritto penale qui. si è semplicemente riportata l’archiviazione del caso. scrivere di diritto penale, se permette, è ben altro. la polemica, spiace dirlo, sembra esserci stata fin dall’inizio da parte sua (e, ribadiamo, solo qui, non alla fonte che riportava l’articolo, perché forse è più facile accanirsi contro un blog che contro una testata giornalistica…) e abbiamo risposto con tutte le modalità che potevamo utilizzare. se il suo obiettivo era quello di difendere a spada tratta, sempre e comunque, l’operato dei magistrati, va ricordato che i PM non sono esenti da errori. questo, quale che sia la motivazione, sembra essere stato uno di quelli. perlomeno dal nostro punto di vista (potrà evincere quale sia dal titolo del blog).
    cordialità.

  7. L’articolo gentilmente fornitomi contiene delle evidenti aporie.
    Perché si fornisce una ricostruzione del fatto che è palesemente incongruente di quella del PM? Il PM era ubriaco? Lo ricordo a me stesso, il PM rappresenta la pubblica accusa e nel caso in analisi avrebbe deciso, in contrasto con i principi costituzionali (che sicuramente conoscerete meglio di me) di non dare seguito all’azione penale.
    Ma stai a vedere che forse, e sottolineo forse (io a differenza vostra non ho le carte processuali), un motivo c’è. E magari questo motivo è esplicitato nella motivazione della pronuncia di archiviazione del GIP della quale, nonostante le sollecite richieste, non mi avete fornito neanche gli estremi! Ne deduco che non è stata da voi letta!!
    Mi dispiace che non abbiate dato importanza a tutto ciò.
    Il pressappochismo che caratterizza la vicenda un po’ inquieta. La mia non voleva essere una polemica né tantomeno una polemica sterile. Volevo solo accendere il dubbio nelle lucidissime menti vostre e dei lettori che gli articoli su internet non sono il verbo (neanche quelli della Geapress!!). Per scrivere di diritto penale occorre necessariamente sapere cosa sia l’elemento soggettivo (cosa che non mi sembra sia molto chiara) e per discorrere dei processi occorre conoscerne gli atti (almeno quelli finali), proprio ciò che v’ho gentilmente chiesto fin dall’inizio!
    è fondamentale mantenere gli occhi aperti su cosa combinano i magistrati, ma per emettere e ammettere qualsiasi forma di critica occorre averli letti di persona e non per mezzo di un articolo della celeberrima geapres!
    distinti saluti
    mo

    P.S.
    Non vi segnalo manuali di diritto penale onde evitare che scriviate che il mio intento, fin dall’inizio, fosse quello di fare della bieca pubblicità!:-))

  8. comunque, altra fonte più specifica, con nomi e cognomi: http://www.geapress.org/m/bolzano-cane-ucciso-a-colpi-di-scure-il-p-m-chiede-larchiviazione/15301 sempre dell’affidabile geapress, se non ti dispiace.

  9. ma queste rimostranze le hai fatte su geapress visto che sei tanto convinto della loro malafede?

  10. è evidente che non conosci la reputazione di geapress (ossia la fonte), agenzia giornalistica di SPICCATA – e sottolineamo SPICCATA – competenza e affidabilità. ogni nostro articolo ha fonti citate, non ci inventiamo niente, ma verifichiamo e riportiamo. geapress: http://www.geapress.org/m/bolzano-spacca-la-testa-al-cane-non-e-reato/25281 greenreporter: http://www.greenreporter.it/5927/animali/bolzano-uomo-uccide-ad-accettate-il-proprio-cane-chiesta-larchiviazione-del-caso/ enpa: https://www.facebook.com/note.php?note_id=10150245442583973 la tua polemica, ripetiamo, non si capisce da dove arrivi. questa non è una bufala. invece di indignarsi senza fare banalmente una ricerca su google, bisognerebbe indignarsi per le decisioni di certi giudici. lungi da noi voler giudicare tutta la magistratura, ma è evidente (e non solo da questo fatto di cronaca) che la giustizia italiana, in termini di diritti animali, è ASSAI indietro.

  11. La soluzione sarebbe spappolarla a chi ce l’ha il problema è che sempre meno se ne trovano.

  12. E’ vergognoso il comportamento di questo giudice!!! Come ha potuto legittimare l’azione compiuta da questo uomo che con ferocia ha ucciso il suo cagnolino???? Il giudice oltre ad assolvere l’assassino ha anche discriminato il povero cagnolino solo perché era vecchio e malato!!!!!!!!!!! Voglio dire al giudice: Esseri anziani e non in salute non signica perdere il diritto alla vita!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  13. come fai a credere che sia vera?
    come fai a dare piena fiducia ad un articolo che non cita la pronuncia da cui trae spunto?
    come fai a emettere tutti queste considerazioni senza aver letto la motivazione di questa presunta pronuncia?
    sono io a non capire!!

  14. Le sentenze sono pubbliche. Immagino che avendoci scritto un articolo sappiate gli estremi. Quali sono?

  15. SCOMETO CHE QUESTO “SIGNORE ” NON AMA GL’ ANIMALI COME DICE …

  16. una cosa sono i funzionari dello stato che tanto di rispetto meritano ,ma questa non è una giusta sentenza per uno che ,con tanti testimoni ha lasciato il fatto come “è un cane soltanto un cane”senza il minimo di rispetto per la povera bestiola che per il suo padrone come si sa, da la vita stessa, era malato ? poteva farlo dormire con la famosa punturina e dargli quel sonno tranquillo ,non metterlo in una cella ancora vivo per poi con un ascia … questo è una brutale azione contro un altro essere vivente che è capace di provare dolore anche sentimenti ,no non è una giusta causa . So che ci sono magistrati che hanno dato la vita per le giuste cause ,ma ci sono quelli che, come tutti si domandano :DOV’ E’ LA LEGGE???

  17. mi viene da piangere …di vomitare ,una nazione civile come questa , appartenente alla europa moderna ,dove la legge dev’ essere all’ ordine del giorno,davvanti a tanti testimoni un giudice dica che non è REATO! ma cosa si deve fare per dire “è” reato??? non ho parolle

  18. anch’io non capisco la polemica… ma non vale il vecchio detto che la “legge non ammette ignoranza”? Invece si giustifica un atto ingiustificabile, incivile, non commentabile se non con tanta rabbia… Che razza di persone sono questi giudici? Nessuna associazione animalista puà fare ricorso? Dov’è l’umanità che dovrebbe appartenere ad una classe colta e preparata come quella dei magistrati? Questa notizia fa tanta tanta rabbia e lascia l’amaro in bocca perchè non c’è solo un colpevole inumano rozzo ed ignorante ma una struttura che lo protegge!!! Vergognatevi anzichè fare polemica e cambiate prospettiva..

  19. non capiamo la polemica. il fatto non sussiste, punto. non è speculazione, è sentenza.

  20. …se l’obiettivo era quello di infangare un altro po’ la magistratura, complimenti perché su alcuni lettori funziona ed anche bene!!
    …immagino comunque che questi estremi non li fornirete!
    Adoro gli animali, ma non è questo il modo di difenderli!

    Con questo mi eclisso ed auguro buona giornata ai funzionari dello Stato che purtroppo sono costretti a lavorare anche in questo bel clima creato ad arte anche da siti come questo!
    mo

  21. giudici di merda ce ne sono dappertutto…..

  22. Cristina Carrano

    Quando leggo queste cose mi verrebbe da prendere un’ascia e spaccarla in testa ai giudici!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com