Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Prosperino, cane di quartiere accalappiato a L’Aquila, è di nuovo libero

Prosperino, cane di quartiere accalappiato a L’Aquila, è di nuovo libero

Prosperino è stato liberato. Non è chiarissima la dinamica con cui è avvenuta la liberazione: nel tardo pomeriggio di ieri si parlava infatti dell’ottimo esito di un vero e proprio blitz, poi la notizia è stata corretta: “Non siamo stati noi ma adesso vogliamo andare fino in fondo”, dichiarano infatti alcuni cittadini che si erano mobilitati per il cane.

Prosperino è un cane di quartiere molto amato che, qualche giorno fa, era stato inspiegabilmente accalappiato dal personale veterinario dell’ASL e trasportato nel canile sanitario di Collemaggio prima, e di quello di Bazzano poi.

Gli abitanti del quartiere si erano subito mobilitati: Prosperino non aveva mai fatto del male a nessuno e andava liberato.

“Probabilmente qualcuno si è ravveduto, ma dobbiamo fare in modo che questo non succeda mai più”, dichiarano i cittadini. 

Prosperino, intanto, è tornato nel suo quartiere. È ancora spaventato e piuttosto scombussolato da quanto avvenuto e si è rifugiato sotto un furgone, dal quale per il momento si rifiuta di uscire. Ma è libero e si suppone che i cittadini stiano vigilando su di lui.

Il cane di quartiere è regolarmente sterilizzato.

Le versioni sulla liberazione di Prosperino, comunque, restano discordi. Se da una parte gli abitanti del quartiere parlano di “ravvedimento” di qualcuno (presumibilmente alludendo ad una o più persone che lavoravano all’interno della struttura nella quale il cane era detenuto), il dottor Pierluigi Imperiale dell’ASL ribadisce il blitz: “Ho già sporto denuncia alla Polizia. Ci siamo accorti della liberazione questa mattina alle 8, un atto di eroismo a basso costo”.

Il dottore parla anche di “ipocrisia sociale”, sostenendo che se da un lato quello di Prosperino è diventato un caso di cronaca, dall’altro ci sono cinquecento cani chiusi in canile e in attesa di un’adozione che non arriva mai.

Inoltre non è detto che il cane rimarrà libero: “È il capobranco della Fontana, stiamo prendendo i cani perché ci sono dei problemi. A me Prosperino non dà problemi ma il suo essere capobranco potrebbe portare a disagi per la collettività e per questo devo catturarlo”.

Nella foto: Prosperino.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

Un commento

  1. NE SONO FELICISSIMO E RINGRAZIO TUTTI QUELLI CHE HANNO CONTRIBUITO: SINDACO COMPRESO

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com