Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / USA: ranch offre a militari i suoi maiali per esercitazioni belliche

USA: ranch offre a militari i suoi maiali per esercitazioni belliche

Mutilati, colpiti da raffiche di proiettile, tagliati, bruciati e infine uccisi. Questa è la fine fatta da numerosi maiali detenuti in un ranch californiano, nell’area di San Diego, che il proprietario aveva messo a disposizione dell’esercito per alcune esercitazioni militari. 

La scoperta, avvenuta grazie ad un elicottero di una tv americana che si è trovato a sorvolare la zona lo scorso febbraio, ha lasciato sconcertati i residenti che nulla sapevano della faccenda.

Nelle immagini riprese dal network si vedono uomini in abbigliamento leggero color kaki intenti a nascondere i resti di un’esercitazione militare. E il sangue per terra. Tanto, troppo sangue per essere una “simulazione”: in quella esercitazione, qualcuno era morto davvero. 

I corpi senza vita dei maiali erano rinchiusi nei sacchi. Secondo quanto riportato dalle fonti, gli animali sarebbero stati anestetizzati e poi “utilizzati” come cavie da medici militari da inviare in Afghanistan.

Ai maiali, ancora vivi, i medici potevano fare quello che volevano: amputarli, tagliuzzarli, ustionarli, verificare l’effetto delle pallottole. E, se alla fine del martirio erano ancora vivi, dovevano chiaramente sopprimerli.

Il proprietario dei maiali non trova che vi sia assolutamente nulla di male nell’aver ceduto gli animali per questi scopi. Per lui è lo stesso, così o macellati non fa alcuna differenza.

PETA, però, non ci sta e altrettanto disgustati sono gli inconsapevoli cittadini, che non avevano in alcun modo autorizzato le esercitazioni nella zona. 

In passato lo stesso ranch era stato sanzionato e chiuso per mancanza dei permessi richiesti per legge. 

Messo alle strette di fronte a quanto accaduto ai maiali, il proprietario della struttura ha dapprima negato, poi spiegato che l’area serviva semplicemente per le esercitazioni di tiro, infine ammesso che nella sua proprietà avvenivano addestramenti per la polizia locale ed esercitazioni paramilitari.

Tutto finto. Solo esercitazioni. Ma i maiali sono stati torturati e uccisi per davvero.

Foto: repertorio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

9 Commenti

  1. Bastardi!!!!

  2. Bastardo! Perchè non offre la sua famiglia come cavie?

  3. ci sono altri modi x esercitarsi … più che altro che cavolo di persona è quello che ha pensato di fare una cosa del genere ?? se si potesse fare qualcosa..

  4. a quanto pare erano esercitazioni mediche relative all’intervento sui feriti di guerra… quindi questi idioti hanno pensato bene di ferire e ammazzare creature che non c’entravano nulla.

  5. da quando in qua le esercitazioni prevedono di bruciare e tagliare i maiali? mai sentito

  6. L’ ORRORE UMANO…

  7. La crudelta dell uomo supera veramente ogni possibile immaginazione.E un orrore indicibile

  8. Quanta tristezza… quando finiranno tutte queste torture per queste creature intelligenti ed umane, più umane dei loro aguzzini… come si fa a non capire che ogni vita è sacra??? e che non abbiamo alcun diritto di martoriare ed uccidere altri essere viventi?
    Non ci rendiamo conto che tutto questo male è il nuovo Olocausto, è la strage degli Innocenti, è la continuazione dei campi di sterminio… vivisezione, caccia, esperimenti vari, torture, maltrattamenti verso tutte le creature più deboli (bambini, anziani ed animali che sono quelli senza alcuna difesa ed alcuna voce) sono la vera vergogna dell’umanità e non si dovrebbe voltare la testa dall’altra parte ma urlare il nostro dolore e la nostra indignazione…
    Sono molto addolorata davvero da tutte le brutte notizie che continuamente arrivano da tutte le parti del mondo sulla nostra incapacità di amare e di condividere con tutti nostri fratelli non umani la bellezza di questa Terra ormai martoriata..

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com