Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Ronco Scrivia: cane in gabbia lasciato morire di fame

Ronco Scrivia: cane in gabbia lasciato morire di fame

Troppa neve, troppi impegni: queste sono state le scuse addotte dal padrone di un cane lasciato per mesi chiuso in una gabbia senza cibo. L’animale è morto.

Il proprietario è un muratore 52enne che tempo fa si era appassionato all’allevamento di animali. Aveva pertanto iniziato ad allevare alcuni esemplari su un terreno di Ronco Scrivia. La sua passione era evaporata presto e gli animali sono stati abbandonati a loro stessi.

Quando i carabinieri sono giunti sul posto, nella giornata di martedì, hanno trovato una decina tra bovini, suini e ovini ma soprattutto il cane.

Il cane, chiuso in una gabbia e morto letteralmente di fame e di sete. La causa del decesso è stata constatata anche dai veterinari dell’ASL, presenti sulla scena con i militari.

Spiega il comandante dei Carabinieri: “Lo stesso proprietario ha dichiarato di essersi recato per l’ultima volta su quel terreno un mese fa e che il cane era ancora vivo. Poi però non era più tornato sul posto, adducendo come scusante la presenza di troppa neve e troppi impegni lavorativi”.

La gabbia in cui le forze dell’ordine hanno ritrovato il corpo senza vita del cane misura un metro e mezzo per un metro e mezzo. A circondarla, decine di ossa di animali non meglio identificati e i resti in avanzato stato di decomposizione di una pecora, che potrebbe essere anch’essa morta per denutrizione (o la cui morte potrebbe essere stata con-causata dalla denutrizione).

Non è stato invece ritrovato l’altro cane del muratore, un pastore maremmano. L’uomo sostiene di non vederlo da tempo. 

Sul 52enne pende ora una denuncia per maltrattamento di animali. Ha già ricevuto una sanzione pecuniaria, poiché oltre a quanto appena illustrato deteneva pure alcune gabbie per la cattura dei cinghiali.

Foto: repertorio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

21 Commenti

  1. Nome cognome e indirizzo di questo bastardo!

  2. qualcuno sa dirmi chi sia, perchè io sono di quelle parti…e gli farei volentieri una visitina

  3. laura cosmelli

    spero che come tutte le cose..non vada in prescrizione… questo bastardo assassino deve pagare !!!!!Sennò è inutile ci siano tutti quegli articoli in tutela del cane e degli animali.. se poi non si sanzionano gli stronzi come lui..E possibile che nessuno sapesse?????? E le guardie zoofile??? Altro che Ucraina!!!! Gli assassini li abbiamo in casa…dietro l’angolo!!!!!

  4. fate morire di fame e sete pure lui!!!

  5. ben detto Alberto….non solo il vuoto…ora il male tocca a lui…!!!

  6. ciao dani, speriamo di sapere qualcosa al più presto, in modo da aggiornarvi tutti.

  7. La polizia, la denunuciato questo bastardo? Aggiornate ci, x favore. Gli animali nono gli oggetti, ma gli essere con un’animo, capaci di stesse emozioni come esseri umani. Basta! Ci vogliono le punizoni severe.

  8. Vogliamo nome e cognome! Almeno per sapere chi è questo rifiuto umano e far in modo che gli si crei il vuoto intorno!

  9. assolutamente sì, bisognerebbe che le generalità venissero rese note, così come la foto. come negli USA. sputtanamento totale.

  10. Mi auspico che dopo la denuncia per maltrattamento ci sia un tribunale che lo condanni al carcere!!!
    Questo uomo è un irresponsabile senza valori morali e non deve essere messo in condizione di NUOCERE ad altre creature!!!! Ha causato delle sofferenza indicibile a tutti questi poveri animali. Li ha privati di cibo e acqua procurandogli lentamente la morte!!!
    Sarebbe giusto che venissero pubblicati anche i nomi e cognomi di questi criminali così nell’anonimato è troppo facile per loro…..

  11. antonio gargiulo

    NON C’E LIMITE ALLA CATTIVERIA UMANA. POTEVA LASCIARLO LIBERO: MERITA UN PENA SEVERA. CHE NON AVRA’
    ‘ PURTROPPO. BISOGNA LOTTARE PER NUOVE LEGGI MOLTO SEVERE. LOTTARE TUTTI I GIORNI FINO ALLA VITTORIA.

  12. questo merita di essere chiuso e lasciarto bastardo

  13. Si merita che i suoi figli e nipoti vengano abbandonati e lasciati morire di fame come ha fatto lui col povero cane!!!! e dopo LUI….mancano leggi che tutelino gli animali!!!! Che schifo di gente!!!

  14. Ma dove stiamo andando a finire? Ma che cosa vuol dire”un mese fa era vivo”? Ma brutto ignorante di merda,devi morire di stenti…io auguro de
    Male a lui e alla sia famiglia,questao genere di persone va eliminato dal mondo!

  15. e la pena??? deve pagare !!! dov’ è la legge?????

  16. quell’essere cosiddetto umano merita solo di essere chiuso in una gabbia e leasciato lì, indegno sputo di marciume sulla faccia della terra…

  17. finchè non si applicano le leggi sul maltrattamento animale questi esseri immondi continueranno impuniti a fare quello che vogliono verso i più deboli

  18. finchè in Italia non si condannano seriamente queste persone con multe e carcere secondo le leggi che già ci stanno ma non vengono mai applicate, questi esseri immondi continueranno nelle loro malefatte verso i più deboli sapendo di rimanere impuniti

  19. non ho altre parole da aggiungere a Maria

  20. che male che fa quella foto… troppo male…
    peccato che non si possa far provare a questa sottospecie di essere umano la stessa agonia e la stessa solitudine…
    povera creatura morta sola ed abbandonata a se stessa… non si può continuare così, è possibile che la gente non abbia coscienza??? Lui sarebbe sopravvissuto 1 mese senza mangiare e bere?? Sono senza parole e con il lutto nel cuore…

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com