Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Appelli / Corigliano Calabro: mamma morta, 8 cuccioli allo sbando: immagini shock

Corigliano Calabro: mamma morta, 8 cuccioli allo sbando: immagini shock

Tutti devono sapere, dicono i volontari che si occupano di queste povere anime dannate fin dalla nascita. E, almeno nel nostro piccolo, faremo in modo che le persone che leggono questo blog sappiano. Le immagini sono molto crude, e le trovate qui. Quella che segue è la storia di quanto accaduto, dalla voce di chi lo ha vissuto.

“Questa storia colpirà tutta l’Italia, fa troppo male, ma bisogna aprire gli occhi. Al sud siamo sommersi di randagi e di gente che non provvede, abbiamo bisogno di aiuto. 

Ecco a voi una storia quotidiana:doveva essere una bella giornata. Io e Noemi avevamo deciso di andare a far mangiar e far giocare i randagi ed i cani del canile, ma non appena usciamo di casa mi arriva una telefonata: mia madre aveva trovato 5 cuccioli, tutti rognosi.

Siamo corse subito da loro,ed abbiamo visto queste povere bestioline scheletriche, spaventate, affamate e con pochissimo pelo (in quelli beige non si nota molto la mancanza del pelo, poiché il colore del loro mantello è simile al colore della loro pelle).

Per fortuna abbiamo incontrato un signore, diceva che i cuccioli erano 8 in realtà. Abbiamo cercato gli altri, due dunque, cinque già li avevamo, ne abbiamo cercati solo due perché uno di questi otto cuccioli lo aveva adottato ieri una ragazza per curarlo ed ospitarlo a vita in casa sua.

Abbiamo perso molto tempo a cercarli, e durante il cammino ci siamo imbattute in una tragedia, in un film dell’orrore.

Era come un cimitero, vi prego di guardare tutte le foto dell’album: noterete, oltre ai cuccioli malati e deperiti, anche le carcasse di tre cani adulti. Una era la madre e penso sia morta per l’eccessiva rogna, magrezza ecc… Gli altri due, muniti di collare, erano belli cicciottelli, quindi deduco che siano stati prima abbandonati e poi avvelenati. Lascio a voi commentare il tutto. 

Eppure i cagnolini erano nell’erba, dietro quattro palazzi, possibile che nessuno abbia mai pensato di aiutarli? Ma perché tanta cattiveria? Ma perché non fanno nulla? 

Ho telefonato a Stefano, ma al rifugio davvero la situazione è tragica, sono pieni, troppo pieni, e sono pochi volontari. Altre soluzioni non esistevano quindi abbiamo dovuto per forza portarli in canile, ma senza farli registrare perché vorrei che i cuccioli fossero curati in un rifugio, e non in un canile: sono ridotti troppo male e questo canile ha circa 1000 cani, i cuccioli non avrebbero le cure e le coccole necessarie.

Quindi vi prego vivamente di trovare uno stallo, un rifugio che si occupi di loro, io là per più di tre giorni NON CE LI VOGLIO LASCIARE! 

I cuccioli sono stati recuperati a Corigliano Calabro, e in questo momento si trovano nel canile di Cassano.

Vi prego anche di iniziare a cercargli una casa, la rogna si cura in poco tempo, e voglio regalare a queste creature una vita migliore, possibilmente stupenda – dati i precedenti.

Non c’è più nulla da aggiungere, ieri la morte del cucciolo bianco ed oggi questa tragedia, io sto davvero male, vi prego, aiuto. 

Penso che abbiamo non più di due mesi e che siano taglie piccole”.

La storia la trovate qui. Se siete interessati ad aiutare, contattate la referente dell’appello direttamente sulla pagina Facebook. Grazie.

Nella foto: la povera mamma dei cuccioli, probabilmente morta di stenti.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

10 Commenti

  1. maledetti assassini!!!

  2. ciao carlotta, su roseto capospulico non ci risultano associazioni attive, ma d’altronde noi stiamo da tutt’altra parte quindi possiamo solo rivolgerci a google.
    nella provincia, comunque, puoi contattare ANPANA http://www.anpanacosenza.it/ – ENPA Cosenza Via A. Ricucci 87020 Cetraro (CS) Tel. 0984/795185 – LEGA DEL CANE http://www.legadelcane.org/provincia-di-cosenza/ – ANIMALISTI ITALIANI Sede Locale di REGGIO CALABRIA – reggiocalabria@animalisti.it – 348.78.58.383 Sede Locale di COSENZA – cosenza@animalisti.it
    speriamo che qualcuno sul blog possa darti indicazioni più precise.

  3. Salve ho trovato un cane molosso molto magro nella zona di Roseto Capo spulico. Per ora e’ in stallo a una famiglia ma non lo possono tenere. Se ho capito bene e’ difficile trovare un canile nella zona. Qualcuno puo’ darmi informazioni? Grazie

  4. E’ veramente triste vedere tanta apatia da parte degli uomini, il randagismo e’ un problema vergognoso soprattutto perche’ la cattiveria e l’ignoranza dell’uomo non riesce a capire quanto amore questi poveri animali danno se solo ci fosse piu’ sensibilita’ e più’ conoscenza dei loro comportamenti. Chi conosce il comportamento ed i segnali che ci manda il cane saprebbe apprezzare tutto cio’ che ci da, invece troppo spesso le persone si fanno il cane credendolo un giocattolo da buttare via quando comincia ad avere dei bisogni. Di stolti ce ne sono tantissimi, al campeggio c’erano persone che lasciavano il cane dentro una casa mobile ad abbaiare e disperarsi per ore, almeno pero’ lo avevano portato con loro, altre invece non ci pensano due volte a disfarsi di queste povere bestiole che da un momento all’altro si trovano soli, affamati, assetati incontro a violenze o addirittura alla morte. E i padroni? Bastardi insensibili che non pensano minimamente alle sofferenze che sono destinate queste creature che verso l’uomo hanno una fiducia ed un amore che un essere umano difficilmente ha. I cani non portano rancore, ho conosciuto cani tenuti a catena, maltrattati che se vengono dati a persone capaci di dare loro affetto, dimenticano subito le cattiverie subite, ricambiando immediatamente. Poi abbiamo il tipo di persone che sono cresciute con la paura dei cani perche’ realmente non hanno mai avuto la fortuna di averne uno e di capire quando il cane ha paura e quindi abbaia ma non fa niente, quando un cane abbaia perche’ sta difendendo il proprio territorio, quindi e’ un abbaio di avviso, in questo caso basta allontanarsi, senza correre, mai correre di fronte a un cane’, che il cane se non viene minacciato non attacca. Consideriamo pero’ che i cani abbandonati spesso hanno subito violenze o sono super impauriti per essersi trovati all’improvviso senza il suo riferimento principale “il padrone”, quindi figuriamoci se vogliono attaccare!!!!!!!!! Al campeggio ho discusso con un signore che quando ha visti i randagi nel campeggio ha fatto una sceneggiata senza capire che l’acqua che venivano a bere ed il mangiare che qualche brava persona gli dava era per loro vitale, senza contare che erano quasi tutti cuccloloni ed anche i due piu’ grossi, anche se l’aspetto ingannava, erano buonissimi e spaventatissimi, due veramente pelle e ossa. Ora, posso capire che non tutti sono amanti dei cani come me e chi non lo e’ non li vuole in una struttura dove paga per andare ed e’ qui’ che entra in gioco la responsabilita’ del comune. Primo dovrebbe sterilizzare le femmine, poi dovrebbe creare una struttura dove accogliere, lo so che ci vogliono i soldi ma io credo con tutti gli avanzi dei ristoranti dei villaggi basterebbero a sfamare tutti i cani della zona. Ragazzi/e sensibili ce ne sono visto che esiste questo spazio, che con una struttura (veterinario compreso) alle spalle e volontari che individuano i casi disperati si riuscirebbe a portare un po’ di sollievo a questi sfortunati amici dell’uomo. C’e da dire che a Corigliano Calabro la situazione e’ da Striscia la Notizia. Troppi cani pelle ed ossa, troppa indifferenza delle strutture pubbliche, poi si arriva allo stremo che BASTARDI pur di togliersi le povere bestioline da dietro casa le avvelenano e chi cerca di aiutarli si trova di fronte a scene come quella della cagnolina morta. E’ veramente vergognoso, se ci sono persone nobili di cuore desiderose di combattere ed aiutare queste bestiole senza colpa UNITEVI, collaborate, e cercate il modo di trovare persone o la strada per arrivare a creare qualche cosa organizzata che da ricovero o acqua e cibo nell’inverno, quando i campeggi ed i villaggi chiudono e questi poveri cagnolini rimangono soli e senza speranza di sopravvivenza. Come ho detto precedentemente io ho già’ dato alloggio a 4 cani e non ho piu’ possibilita’ di prenderne altri ma Spina e Marroncino, i due piccoli dolci randagi che giravano al campeggio il Salice, a Corigliano, non li dimentichero’ mai. Se qualcuno vuole vedere le loro foto, rispondete. Sarebbe bello sapere che a fine stagione non rimangono allo sbando ma qualcuno si interessi a loro. Scusate se sono stata prolissa ma ho il cuore pieno di amarezza e tristezza riguardo questo argomento. Marina

  5. La prima settimana di luglio sono stata in vacanza al villaggio il salice dove oltre tre bellissimi cani di taglia medio grossa pelle ed ossa, nel villaggio giravano due cagnolini di taglia piccola meravigliosi. Uno marroncino con il collare abbandonato da poco xche’ si comportava come un cane cresciuto in casa, affettuosissimo un volpino biondo con due occhi oro che facevano innamorare, l’altra una spinoncina di taglia piccola, credo randagia da parecchio e reduce di più’ cucciolate, di aspetto meno bello del marroncino perche’ cresciuta senza cure ma posso assicurare di una dolcezza infinita. Due cani educatissimi adatti a qualsiasi ambiente ci sia amore per gli animali xche’ loro di amore ne hanno tanto da dare malgrado abbiano incontrato uomini che non lo meritavano. Io purtroppo ho altri 4 cani e non posso prenderne altri. In una settimana mi avevano adottata come padrona la sera il marroncino mi saliva in braccio e si addormentava. Quando e’ arrivato il momento di partire e per i giorni successivi ho pianto ma non potevo fare altrimenti anche i miei 4 li ho salvati da morte sicura, ora non posso fare altro che sperare che ci sia qualcuno sensibile che ha bisogno di affetto come lo hanno spina e marroncino. Una cosa ho dimenticato: erano inseparabili, lui appena non la vedeva correva a cercarla, gli leccava i punti dove lei aveva dei problemi, insomma scene che dovrebbero far pensare tanti uomini che sanno dare solo cattiveria. Marina

  6. cerca di fargli una foto e pubblica la storia in facebook, qualcuno della zona ti aiuterà!

  7. un tempo il canile c’era solo che ero senza patente e piccola! questa notizia mi sciocca! cmq vicino casa mia c’è un cucciolo randaggio è magrissimo… e pieno di zekke.. io nn sò a ki rivolgermi.. io quando lo vedo in giro siccome mi porto sempre i croccantini dietro perkè c’è pieno di cani randaggi a corigliano, glieli dò sempre… io ho un solo problema se vedo un cane ke sta male io svengo.. però se sò ke posso aiutarlo farei qualsiasi cosa!

  8. purtroppo corigliano calabro non dispone ancora di un canile e la storia pubblicata su facebook è stata rimossa… ti consigliamo di fare una ricerca sulle strutture per animali presenti nella tua zona e di contattarle direttamente.

  9. cosa devo fare per diventare volontaria del canile? io nn lavoro,ho la macchina e verrei volentieri a dare una mano vi prego rispondete

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com