Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / L’allarmismo sui randagi funziona: pensionato spara a cani a Taranto

L’allarmismo sui randagi funziona: pensionato spara a cani a Taranto

Difficile pensare che quanto accaduto ieri a Taranto non abbia in alcun modo a che vedere con la campagna inutilmente allarmistica messa in piedi da numerosi organi di stampa in merito al “pericolo cani randagi”.

Il randagismo in Italia esiste da decenni, i cani ci sono in qualche modo sempre stati (purtroppo), eppure dopo le due tragiche aggressioni in Toscana e Lombardia, per gran parte dei media sembra che questi animali in toto siano diventati letali, pericolosissimi. 

Nella giornata di ieri, a Taranto, un 70enne è stato denunciato dalla Polizia per spari in luogo pubblico. Aveva sparato contro un gruppetto di cani randagi che non stavano facendo altro che passare di fronte alla sua abitazione. Non avevano cercato di aggredirlo, né ringhiato, né manifestato aggressività, né si erano introdotti nella sua proprietà. Stavano solamente passando.

E lui ha sparato.

Gli agenti lo hanno trovato con una pistola in ciascuna mano. Dagli accertamenti entrambe le armi sono risultate poi due scacciacani (appunto), ma nel frattempo l’anziano aveva sparato altri due colpi verso un venticinquenne che aveva cercato di difendere gli animali. 

Ora, l’uomo dovrà rispondere del reato di minaccia aggravata.

Foto: repertorio.




© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

4 Commenti

  1. Pietro, Ma che stai a di?? certo che è responsabilità dei comuni, grazie a noi volontari che li facciamo mangiare, li facciamo adottare e stiamo dietro le asl per le sterilizzazioni…i cani diventano aggressivi se non hanno cibo, se ci sono femmine in calore in zona o se vengono stuzzicati.
    Quanti canili lager ci sono perchè c’è gente che si mangia i soldi?, quanti soldi spesi in puttanate quando potrebbero, non dico risolvere ma almeno limitare il problema?? Andassero a fare il giro casa per casa e controllare se i cani hanno il chip, con tutte le multe fatte si sfamerebbero i cani di tutt’italia!!!

  2. e contro chi bisogna fare qualcosa? contro i cani?
    i comuni hanno la responsabilità di mangiarsi tonnellate di quattrini, anche tuoi, e di sprecarli in minchiate. prendersi cura dei canili, visto che sono strapieni, è un dovere civico e si è costretti a farlo perchè l’italia è piena di gente immonda che tratta gli animali come cose: li prende, si stufa, li molla per strada. qui chi deve aprire gli occhi sei tu. sbarazzati del benaltrismo (c’è sempre “ben altro da fare” e intanto non si fa mai niente) e comincia a capire che è ora che la gente cambi mentalità. che non siamo più nel medioevo.

  3. ma che cosa stai a dire, non si sà mai se la persona si comportava normalmente nei loro confronti, il camionista stava controllando il suo camion e se lo hanno letteralmente mangiato, bisogna fare qualcosa contro i comuni, altra stronzata, che cosa c’entrano i comuni se
    ci sono dette teste di cazzo che abbandonano i cani, inoltre i comuni in questo momento hanno spese più importanti su cui investire le poche risorse che hanno,
    e inoltre è ora di finirla di dire che tocca ai comuni mantenere nei canili i cani trovati sul suo territorio visto che le spese ricadono poi su tutti.
    quindi cerchiamo di sniffare di meno o perlomeno cambiare spacciatore con uno che abbia roba migliore.

  4. ma perchè ai telegiornali si sente solo se gli “animali” fanno la ” strage “di una sola persona che poi non si sà mai se questi si comportava normalmente nei loro confronti,Perchè chi li odia li odia e basta e invece non si sente che una sola persona “umana”fà la srtage di tanti cani o gatti ecc .ecc..e magari hanno solo la colpa di essere stati abbandonati e avevano il padrone.E poi bisogna far qualcosa contro i COMUNI per la sterilizzazione ,solo così si potrà risoòvere il problema.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com