Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Codogno: gatto scuoiato e mutilato lasciato a bordo strada

Codogno: gatto scuoiato e mutilato lasciato a bordo strada

È stata una passante a notare, a bordo strada, il corpo mutilato e scuoiato di un micio. Il fatto è avvenuto a Codogno e i poveri resti erano stati disposti ordinatamente sullo sterrato, tra buche e sporcizia, come se si fosse trattato di un atto premeditato. 

Il micio era stato decapitato, le due zampe anteriori amputate, la pelle completamente levate di dosso. L’aguzzino si era poi accanito sulle viscere, asportandole, e aveva poi abbandonato la pelliccia accanto al piccolo corpo. 

Un sadico e un malato mentale, un disturbato che merita di essere punito per un’atrocità simile. Un uomo che ha prima barbaramente mutilato e ucciso un animale indifeso per poi disporne le membra con cura, e senza fretta. 

Dal momento che i resti sono stati ritrovati poco distanti da una colonia felina recentemente decimata di svariate unità, si ritiene che quanto avvenuto sia opera di qualcuno che odia gli animali e non ne sopporta neppure l’esistenza. Un accanimento del genere non può far pensare a nulla di diverso. Al momento, infatti, la pista esoterica non è stata presa in considerazione.

Foto: repertorio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

5 Commenti

  1. vero, ci ricordiamo anche noi…

  2. è interessante notare come il fatto sia avvenuto a CODOGNO, stesso posto dove han rinvenuto i due gattini “incollati” in una scatola, dei quali uno è deceduto e l’altri versa in gravissime condizioni.. direi che fare ” 2+2″ per i Carabinieri non dovrebbe essre una impresa così difficile..impronte digitali sui resti? Persone sospette?.. andiamo, non diteci che non si arriva a capo di nulla…

  3. Che barbarie!
    E’ in momenti come questi che vorrei pene più severe per chi maltratta, tortura e uccide gli animali!
    Si fa un gran parlare della necessità di trovare misure alternative alla detenzione per dare una boccata d’aria all’annosa questione delle carceri stra-affollate e non vorrei che si facesse dietrofront proprio su queste fattispecie di reato, dai più ritenute secondarie…

  4. Sì concordo con Marina, è molto più di uno che odia gli animali. Mi fa ricordare dei famosi romanzi gialli/noir in cui alcuni personaggi si “allenavano” uccidendo gli animali.. per poi perfezionarsi con le persone.

  5. Questo non è “qualcuno che odia gli animali”, questo è un serial killer alle prime armi…

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com