Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Rovereto: cane muore avvelenato, i padroni restano intossicati

Rovereto: cane muore avvelenato, i padroni restano intossicati

Il cane Mala non ce l’ha fatta. Il piccolo meticcio di otto anni non è riuscito a sopravvivere al veleno divorato da terra e contenuto, con tutta probabilità, in un boccone “farcito” e appositamente posizionato.

Anche i suoi proprietari sono rimasti intossicati. Il fatto è accaduto domenica scorsa a Santa Barbara, a monte di Ronzo. I due coniugi e il cane avevano fatto una passeggiata e stavano per risalire in automobile per tornare a casa. Mala si era sporcata giocando con la neve, e tremava. L’errore dei proprietari è stato pensare che avesse freddo.

Non era così: Mala stava patendo gli effetti del veleno ingurgitato.

Gli spasmi sono arrivati poco dopo, assieme alle convulsioni, assieme al vomito. I due si rendono conto di cosa possa essere successo, pur non essendosi accorti che aveva mangiato qualcosa da terra.

Solo successivamente si scoprirà che aveva ingoiato una polpetta farcita di anticrittogamici, pesticidi potentissimi ed estremamente pericolosi. 

I due coniugi hanno trasportato Mala dal veterinario, ma all’arrivo in ambulatorio era già morta. 30 minuti: questo è stato il tempo che il veleno ha impiegato ad ucciderla. 

I proprietari sono rimasti lievemente intossicati per essere venuti a contatto con la saliva e il vomito del cane in agonia, ma non ci sono preoccupazioni per loro. I due pensano ora ad una denuncia penale.

Non è la prima volta che casi di avvelenamento di animali avvengono nella zona di Rovereto. Invitiamo chiunque abiti in quella zona a prestare assoluta attenzione.

Foto: repertorio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

2 Commenti

  1. Spero che trovino il responsabile di questo crimine vigliacco. Che l’abbia fatto per divertimento o per qualche altra perversa ragione (non è che a Rovereto abbondino branchi di cani randagi da cui difendersi) merita di essere punito. Ovviamente non succederà niente perchè si sa che i crimini contro gli animali in Italia non sono considerati. Ma magari visto che i padroni sono rimasti intossicati qualche speranza che indaghino di più c’è….

  2. Povero amore, è orribile tutto questo. Assomiglia tantissimo alla mia cagnolina. Non posso che esprimere tutta la mia vicinanza alla famiglia ed il disprezzo piu’ profondo per chi ha compiuto questo gesto infame

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com