Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Piangeva mentre mangiava: storia del salvataggio di un pitbull

Piangeva mentre mangiava: storia del salvataggio di un pitbull

Questa bella storia è stata pubblicata dal sito Care2. La versione originale, in inglese, la trovate qui. Noi vi offriamo la traduzione in italiano, per condividere con voi un po’ di calore. Viste le notizie che siamo sempre costretti a pubblicare, ce n’è un gran bisogno.

La storia è stata scritta da Kristie Hendricks dell’associazione Dogs Deserve Better Representative for New York.

***

“Ricevetti una chiamata relativa ad un cane molto dolce legato ad un albero. Aveva bisogno di essere sterilizzato e forse di trovare una nuova casa. La persona che mi telefonò era certa che la proprietaria avrebbe autorizzato la sterilizzazione, ma non era certa che mi avrebbe permesso di cercare una famiglia che avrebbe tenuto la cagna dentro casa.

Quando arrivai, trovai Darla incatenata ad un albero in un cortile abbandonato, così lontano da casa che non poteva neppure vederla.

La sua cuccia era una vecchia scatola di legno piena di buchi che lasciavano passare vento, pioggia e neve.

Aveva trascorso più di tre anni in quel posto ed era anche diventata mamma: i suoi cuccioli erano stati tutti adottati.

Quando ci vide arrivare, si emozionò a tal punto che cominciò a piangere e uggiolare. Continuò mentre l’accarezzavo, tanto era felice per quell’improvviso amore a attenzione.

Il proprietario disse di averla trovata vagante nella sua proprietà, e di averla tenuta perché temeva che, essendo un pitbull, sarebbe stata soppressa se fosse stata accalappiata. Con l’aiuto di un po’ educazione e di compassione, lo convinsi a lasciarcela prendere.

Quando portai Darla a casa mia, si mise a piangere mentre mangiava. Era sopraffatta dall’emozione, e io non ero da meno.

È uno dei cani più dolci che io abbia mai conosciuto. Ama chiunque e apprezza ogni briciola d’amore che riceve.

Per tutte le Darla di questo mondo.

C’è un legame tra tutti i cani incatenati. Tutti sono molto soli. Tutti soffrono la fame e la sete. Tutti tremano di freddo quando è inverno e cuociono vivi quando è estate. E tutti meritano di meglio. Sono fratelli e sorelle imprigionati in una rete di indifferenza e noi vogliamo fare la differenza.”

Nella foto: Darla.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

8 Commenti

  1. grazie!!!!!!!!!!!!!!!!1

  2. commovente, buona fortuna piccola Darla! e buona vita!

  3. Anche questi sono miracoli.

  4. perchè incatenarli? perchè lasciali così soli ?

  5. una storia bellissima e sono contentissima che questo angelo di cane abbia trovato un pò di calore e di amore che auguro duri per tutta la sua breve vita, anch’io ho adottato una randagina incrociata con un pittbull ed è dolcissima al contrario di quanto si dice in giro sull’argomento di questo tipo di cane, purtroppo in giro c’è ancora tanta ignoranza e incompetenza.

  6. Una storia bellissima e commovente!!!

  7. luana giacchetto

    Che bella storia… viene da piangere pure a me!!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com