Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Individuato il mitomane di Lecco: ha sedici anni

Individuato il mitomane di Lecco: ha sedici anni

È stato individuato il ragazzotto responsabile dell’episodio di mitomania sparsosi a macchia d’olio in Facebook, nei giorni scorsi. Si tratta di un sedicenne che è stato identificato dalla Squadra Mobile di Lecco e che, come avevamo già riportato, aveva pubblicato sulla sua bacheca la foto di un cane ucciso, immobile in una pozza di sangue, vantandosi di aver compiuto il gesto assieme ad un gruppo di amici perché il randagio “abbaiava troppo”. 

I suoi commenti di vile compiacimento avevano disgustato gli internauti che si erano subito messi a caccia della verità: non c’era voluto molto perché partissero le prime segnalazioni a Facebook e anche le denunce alle autorità. E, nel frattempo, si scopriva anche la vera identità di quel povero cane martoriato: si chiamava Sebastiano, ed è stato vittima di una morte sospetta a L’Aquila, nel 2006, durante una presunta cattura da parte dell’ASL veterinaria del posto: la sua storia, tragica e di una tristezza senza fine, l’abbiamo raccontata in questo articolo.

Ora anche l’identità del sadico mitomane è nota – perlomeno alle autorità. A noi, i cittadini, toccano solo le sue iniziali: B.A., 16 anni (gettati al vento), residente nella provincia di Lecco. 

Il profilo Facebook sul quale aveva pubblicato la tragica immagine era chiaramente fittizio, così come il suo nome, ed era utilizzato anche da altri due coetanei.

Questo vergognoso rappresentante della razza umana è stato deferito alla competente Procura della Repubblica del Tribunale per i Minorenni. Dovrebbe, a parere di chi scrive, essere anche obbligato a spalare ogni giorno gli escrementi dei poveri cani dei canili: sono senz’altro più puliti della sua etica e della sua morale.

Nella foto: il profilo fittizio del 16enne con la foto di Sebastiano e il vile scherno nei confronti del cane.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

6 Commenti

  1. persone così mi fanno schifo,non bisogna nemmeno chiamarle persone sono la vergogna dell’essere umano,spero che qualche anima innocente gli possa spaccare quella testa malata che ha.

  2. ma i genitori,in tutto questo dove erano?iprimi ad essere denunciati dovrebbero essere loro o essi stessi sono l’esempio per questo stronzetto? qualcuno dice spalare la cacca dei cani?di più molto di più, portarli a spasso, pulire le gabbie,dargli le medicine e via dicendo cosi si renderà ben conto di cosa significa abbaiare xkè sei stato maltrattato o abbandonato da cucciolo e tutte le maledette situazioni che tutti conosciamo…imbecille deficiente..

  3. PER FORTUNA OGNI TANTO
    QUALCUNO LO BECCANO!!!

  4. pensare che abbia solo 16 anni….che vergogna…questo e’ il futuro che ci aspetta?e in tutto cio’..dove sono i genitori?csa gli hanno insegnato? spero sia punito…severamente..

  5. spero che crebi brutto bastardo ti spaccherei io a te cosi la testa in un pozzo di sangue bastardo

  6. adesso questo schifo di essere deve essere punito con pena esemplare. Volontariato a vita per forza, senza scelta.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com