Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / New York: lega cane col nastro adesivo e lo getta a bordo strada, arrestato

New York: lega cane col nastro adesivo e lo getta a bordo strada, arrestato

Un 52enne newyorchese è stato arrestato sabato con l’accusa di aver legato col nastro adesivo muso e zampe di un cane e di averlo gettato nel canale di scolo di una carreggiata. Dovrà ora rispondere sia dell’accusa di abbandono di animale che di maltrattamento.

L’uomo arrestato, Shane Morehouse, è stato individuato a seguito di numerose segnalazioni inviate alla polizia dai residenti della zona, dopo che il cane era stato identificato da alcune foto.

L’animale vittima di questo caso di crudeltà si chiamava Chubby ed era un meticcio di Alaskan Malamute di 12 anni, che è stato successivamente eutanasizzato: le sue condizioni di salute erano infatti disastrose, tanto che era forse la malattia il motivo dell’abbandono. 

In origine, Chubby apparteneva ad un cittadino di Hudson Falls che lo aveva ceduto a Morehouse con la promessa che l’uomo se ne sarebbe preso cura al suo posto. Morehouse, invece, aveva provveduto a incaprettare le zampe e il muso del cane con il nastro adesivo per poi gettarlo nel canale di scolo a lato di una strada (qui alcune foto).

Il cane era stato scoperto nella giornata di venerdì da alcuni operai intenti a lavorare sul manto stradale: dopo un immediato soccorso, l’animale era stato trasportato alla SPCA di Queensbury ed erano stati condotti su di lui alcuni esami veterinari.

Chubby mostrava ferite aperte e infette attorno al collo, a dimostrazione di come fosse stato stretto troppo a lungo in un collare troppo piccolo per lui. Oltre a questo, i veterinari giustificano la soppressione con “uno stato di malessere esteso e non correlato all’abbandono”. 

Morehouse è attualmente libero su cauzione.

Nella foto: Chubby.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

Un commento

  1. E PERCHE’ QUESTO STRONZO E’ ANCORA IN LIBERTA’?

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com