Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Adottato in canile, esce in passeggiata e muore avvelenato

Adottato in canile, esce in passeggiata e muore avvelenato

Il fatto è accaduto a Cosio Valtellino: Aragon, pastore del Caucaso di circa 4 anni di età, è rimasto ucciso a seguito dell’ingestione di un boccone avvelenato mentre si trovava in passeggiata con il suo umano.

Tutto già di per sé molto triste, se non fosse che Aragon era da poco stato adottato da Roberto, un commerciante di Morbegno, dal canile di Via Palestrina a Roma. 

Il cane che Roberto aveva scelto al rifugio era un esemplare depresso, triste – i volontari lo definivano quasi disinteressato alla vita. Dopo l’adozione – e come quasi sempre accade – Aragon era però rinato.

“Qui con noi stava bene”, racconta Roberto, “Era ingrassato, era un giocherellone che non stava mai fermo e tutti i giorni dopo pranzo lo portavo a fare una passeggiata sulla Pedemontana, a Regoledo, nella zona dell’Elisir”.

È stato proprio durante una di queste passeggiate che il cane ha iniziato a rantolare e perdere schiuma dalla bocca. 

Roberto si è precipitato dal veterinario con Aragon agonizzante. Il cane è spirato dopo tre ore di infernale agonia. 

Ora l’uomo racconta di come anche due gattini siano stati trovati morti avvelenati nella stessa zona. Il fatto è stato segnalato all’ENPA di Sondrio, mentre non è ancora stata sporta denuncia alle forze dell’Ordine.

Nella foto: Aragon dopo l’adozione.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com