Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Miami: pony ridotti a pelle e ossa abbandonati in un ranch

Miami: pony ridotti a pelle e ossa abbandonati in un ranch

Maltrattati, vittime dell’incuria e ridotti a pelle e ossa: queste sono le condizioni in cui una donna ha ritrovato quattro pony “scaricati” come oggetti nel suo ranch di Miami, negli USA.

La donna, esperta di cavalli, ha provveduto a rimettere in forze i quattro animali prima di contattare le guardie zoofile, che hanno trovato ora una nuova sistemazione per gli animali.

I quattro pony, due maschi e due femmine, erano molto magri – dice Laurie Waggoner della Protezione Animali. Sono stati prelevati dal ranch lo scorso giovedì e spostati in una fattoria poco distante.

“Uno è davvero ridotto a pelle e ossa”, spiega la Waggoner, “Mentre gli altri possono essere definiti soltanto molto magri. Ma i pony hanno un metabolismo molto lento, il che significa che possono rimanere in forma a lungo con pochissimo cibo”.

Una considerazione di questo genere la dice lunga sul periodo di maltrattamento cui gli animali sono stati sottoposti. 

Si suppone che il precedente proprietario non li nutrisse a sufficienza o che forse non desse loro alimenti adeguati. Ma secondo il rapporto della polizia, gli animali sono stati anche vittime di abusi. 

I pony erano stati abbandonati al ranch lo scorso 12 gennaio. La proprietaria, Carol Lee Ford, ha dapprima provveduto a curare gli animali per poi chiamare la polizia, lo scorso giovedì. Ha sostenuto che a scaricare gli animali sulla sua proprietà era stato un uomo di nome Esteban Asencio, sebbene lei glielo avesse esplicitamente vietato.

La polizia sta ora cercando di rintracciare Asencio, che risulta irreperibile.

La Ford racconta che gli animali, al momento dell’abbandono, non erano solamente magrissimi e deperiti, ma mostravano anche ferite aperte, il mantello rovinato e filo spinato arrotolato sulla coda. La testimonianza è stata confermata anche dalla polizia. 

La Ford ha provveduto a sfamare e curare gli animali, ma ha poi deciso di contattare le forze dell’ordine temendo che fossero stati rubati.

La Protezione Animali, dopo aver spostato i pony nel secondo ranch, si sta ora prendendo cura di loro: alcuni veterinari si occuperanno della sverminazione, degli esami del sangue e delle vaccinazioni. Una volta tornati in salute, i cavalli resteranno al ranch della SPCA per un periodo di tempo indeterminato. 

Foto: repertorio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com