Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Campagne / Ex galline da batteria ricollocate in un penitenziario

Ex galline da batteria ricollocate in un penitenziario

La British Hen Welfare Trust ha annunciato con orgoglio di aver salvato venti galline da un allevamento intensivo e di averle ricollocate in un penitenziario femminile: sarà la loro nuova casa.

I pennuti vivranno all’interno della prigione e faranno parte di un progetto di giardinaggio educativo per riabilitare le detenute.

La British Hen Welfare Trust è una ONG che trova una nuova casa alle galline sfruttate nell’industria della carne e delle uova. Dalla loro fondazione, nel 2005, l’associazione vanta il salvataggio di 60,000 esemplari dal mattatoio: tutte le galline sono state ricollocate con successo.

Questa ONG educa il pubblico in merito al trattamento degli animali negli allevamenti intensivi e suggerisce di acquistare uova da produttori più etici. L’obiettivo finale della BHWT è di rendere l’intero Regno Unito sensibile all’argomento e di proibire in via definitiva questo tipo di allevamento.

Sebbene sia ironico che le galline liberate siano finite in “prigione”, la ricollocazione fa parte di un eccellente esperimento che dovrebbe portare benefici sia alle detenute che agli animali. È infatti fuor di dubbio che la pet therapy apporti incredibili benefici alla psiche umana.

Un portavoce del penitenziario dichiara: “è straordinario che alcune delle prigioniere possano prendersi cura di qualcuno così vulnerabile come una gallina da batteria, che ha vissuto di privazioni fin dalla nascita, che è stata una prigioniera e che ha letteralmente vissuto la sua intera esistenza innocente dietro le sbarre, in una gabbia microscopica, privata dell’accesso all’aria aperta. Crediamo moltissimo nel beneficio terapeutico che possono apportare gli animali e al senso di responsabilità che possono far crescere dentro chi si prende cura di loro”.

Sembra che le galline siano molto felici, che si siano adattate bene al nuovo ambiente e che possano usufruire di molto spazio. 

Nella foto: un galletto liberato da un allevamento intensivo. Sono ben visibili le condizioni terribili in cui questi animali vengono ridotti.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

Un commento

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com