Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Lupi massacrati a fucilate un po’ ovunque in Italia

Lupi massacrati a fucilate un po’ ovunque in Italia

Ammazzati a colpi di fucile: questa è la fine fatta da alcuni lupi italiani – così rari, così preziosi – negli ultimi giorni, un po’ ovunque lungo tutta la penisola.

A darne notizia il sempre puntuale Geapress, che racconta del ritrovamento, lo scorso 12 gennaio, di un giovane maschio di un anno. 

Il lupo, ucciso da un proiettile, è stato trovato nel Comune di Carsoli, l’Aquila, in località Madonnelle. È quello che vedete nella foto di apertura, nella quale è visibile anche il foro di entrata della pallottola, sul fianco.

Il secondo lupo ucciso è stato invece ritrovato due giorni fa, ad Oricola (ancora l’Aquila), in località Sesera: era una cucciolona di appena sei mesi morta da tempo, a giudicare dallo stato di decomposizione del corpo. In questo caso si sospetta un boccone avvelenato perché, apparentemente, non vi sono fori di proiettile sul corpo. Ma va anche detto che l’animale è ridotto così male che solo i risultati della necroscopia (che verrà eseguita all’Istituto Zooprofilattico di Teramo) potranno dare certezze. 

La zona in cui entrambi i lupi sono stati rinvenuti, nei pressi del Parco Regionale dei Monti Simbruini, non è nuova ai massacri di questa specie.

Infine, il terzo lupo ritrovato negli ultimi giorni è stato ferito da una fucilata sull’Appennino bolognese, ed è quello soccorso negli scorsi giorni dopo essere stato avvistato immobile nel fiume Limentra a causa degli arti posteriori semiparalizzati. 

Si era vociferato che fosse stato colpito da una scarica di pallini da caccia, e c’erano state vibranti proteste in merito. E invece, a quanto pare è vero. Lo conferma anche Geapress, che parla di una rosa di pallini che potrebbe averlo colpito nella zona della colonna vertebrale. 

L’animale è ancora ricoverato presso un ambulatorio veterinario di zona e i medici hanno ritrovato, nel suo corpo, numerosi pallini di piombo. Delle sue condizioni di salute non si sa molto, ma si prega possa salvarsi.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

Un commento

  1. ora Io lo dico: se mi capita tra le mani un coglione con fucile che tira addosso ad un qualsiasi animale come un lupo, una volpe, un aquila Minni o Topolino, Lo riempio di così tante botte che per trasportarlo in ospedale ci vuole il trauma team. E se osa anche lamentarsi raddoppio la dose! E’ ora di finirla con le meste constatazioni degli enti, impallinateli a sale ogni volta che ne vedete uno gente!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com