Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / USA: capretta trovata vagante con 10 kg di catena al collo

USA: capretta trovata vagante con 10 kg di catena al collo

Una capretta è stata trovata vagante ad Annapolis, negli USA, con una catena da 10 kg attorno al collo. 

Le autorità stanno ora cercando di individuare il proprietario dell’animale, ritrovato da un ragazzino di 11 anni che ha subito dato l’allarme.

A seguito dell’intervento della Protezione Animali cittadina la capretta, ribattezzata Tuscany, è stata urgentemente trasportata in clinica veterinaria per ricevere le prime cure: mostrava infatti gravi ferite attorno al collo.

Secondo le autorità, la catena era così stretta e pesante da essere penetrata nella carne – tanto da dover essere rimossa chirurgicamente. 

“La pelle era cresciuta attorno e sulla catena”, dice Robin Small, della Protezione Animali.

Small ha anche precisato che tutti i proprietari di animali, più o meno addomesticati, dovrebbero essere educati in merito al trattamento corretto da tenere nei loro confronti.

“Nessun animale dovrebbe sopportare il dolore cui è stata sottoposta Tuscany”.

Nella foto: la capretta ritrovata.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

4 Commenti

  1. Massimo Giuntoli

    Mi fa piacere (e non avevo dubbi in proposito).
    Tra l’altro, è davvero divertente la possibilità di interpretare diversamente la frase citata “…tutti i proprietari di animali,più o meno addomesticati…” dove quell’ “addomesticati” sembrerebbe quasi riferirsi ai proprietari, e non agli animali. Ok, giusto una battuta.

  2. verissimo. è anche la nostra opinione. quella riportata è una citazione. 🙂

  3. Massimo Giuntoli

    Riporto dal post sulla capretta incatenata: “Small ha anche precisato che tutti i proprietari di animali, più o meno addomesticati, dovrebbero essere educati in merito al trattamento corretto da tenere nei loro confronti”.
    Beh, il miglior trattamento dovrebbe essere quello di non considerarsi “proprietari”, bensì “animali che condividono con altre specie animali questo pianeta”.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com