Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Picchia cane fino ad ucciderlo: filmata dai vicini

Picchia cane fino ad ucciderlo: filmata dai vicini

L’infermiera brasiliana che ha ammazzato di botte uno Yorkshire Terrier sostiene di aver avuto, quel giorno, una brutta giornata.

Il pestaggio ai danni del cagnolino, che non è sopravvissuto alle percosse, è stata pubblicata sulla rete dai suoi vicini dopo che, interpellata la polizia, non avevano ricevuto alcuna collaborazione.

L’infermiera ha 22 anni e si chiama Camila De Moura e, nel video (che potete vedere a questo link, tenendo presente che contiene immagini forti) ha percosso a morte il piccolo cane di fronte alla figlia di 18 mesi. Il fatto è avvenuto nella città di Formosa. 

In rete il video ha chiaramente creato indignazione e rabbia, tanto che sono state migliaia le persone ad iscriversi a gruppi in Facebook dedicati al caso e a firmare una petizione online che chiede giustizia per il cane. Una sorta di malcontento popolare così marcato da costringere le autorità brasiliane, fino a quel momento immobili nonostante fossero a conoscenza di quanto accaduto, a recarsi perlomeno a casa della De Moura per chiederle spiegazioni.

La donna ha risposto che “aveva avuto una brutta giornata, qualche problema in famiglia ed era stata vittima di un attacco di nervi”.

Il cane è stato ritrovato nell’abitazione della donna, in condizioni pessime, ed è spirato due giorni dopo.

La De Moura è sposata con un dottore e sostiene ora di aver ricevuto oltre 40 mila minacce di morte, tanto da doversi nascondere.

Il suo legale ha dichiarato al Correio Braziliense: “Al momento è per lei umanamente impossibile rimanere a casa. Il suo quartiere è stato circondato da gente che lanciava pietre. Ci sono state persone che hanno offerto denaro per ucciderla. La situazione è fuori controllo, perché le minacce non si limitano a lei ma riguardano anche suo marito e sua figlia”.

Un agente di polizia ha dichiarato che la De Moura potrebbe essere condannata ad un anno di prigione per crudeltà verso gli animali.

Inoltre, l’atto brutale è stato compiuto di fronte ad una bambina, quindi la donna potrebbe anche ritrovarsi accusata di aver infranto la legge per aver “esposto un infante a vergogna o imbarazzo, la cui pena prevede una reclusione fino a tre anni”, da dichiarato l’investigatore. 

Non è il primo caso di violenza verso gli animali in Brasile: all’inizio di dicembre un cucciolo di 3 mesi è stato sepolto vivo ed è rimasto sotterrato per oltre 12 ore a Novo Horizonte. È stato fortunatamente salvato ed è ancora in terapia.

La scorsa settimana un altro cane è stato legato per il collo ad un’automobile e trascinato per le strade di Cidade Soberana, perché qualcuno era irritato dal suo costante abbaiare.

Nella foto: il cane aggredito dalla De Moura si rintana in un angolo, tremante e catatonico, verso la fine dell’attacco.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

24 Commenti

  1. assolutamente daccordo

  2. mainardi barbara

    io spero che ti venga un bel cancro al cervello che ti possa fare soffrire tra atroci dolori fino alla fine dei tuoi giorni….e ti auguro anche che quella povera bambina ti tratti uguale….bastarda figlia di puttana di merda che non sei altro!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!……tu sei la feccia peggiore della società e devi solo morire nel peggiore dei modi

  3. grandissima puttana …spero che qualcuno faccia a lei di peggio …. molto peggio … e che le tolgano pure la figlia perche una pazza del genere alla prossima giornata no …potrebbe fare lo stesso alla bambina …. spero di vederla boccheggiare …. quella stronza …. e se io ero su oltre a filmare solo, minimo le gettavo in testa il vaso piu pesante che avevo … che possa marcire all inferno quella troia….

  4. Bene che abbia subito minaccie, benissimo che viva nel terrore di essere fatta fuori…sinceramente è quello che si merita!!!

  5. MALEDETTA STRONZA SCHIFOSA. DOVREBBERO PRENDERLA A CALCI ANCHE LEI. BEN LE STA CHE ADESSO NON HA PACE. NON SE LA MERITA NEMMENO.

  6. vero 🙂

  7. assolutamente daccordo 🙂

  8. ke tu possa vivere il resto della tua vita di merda,pieno di sofferenze dolori e quanto altro,nn è giustificabile quello ke hai fatto,hai una figlia,stronza!dovresti incontrare sulla tua strada una xsona ke ti cambi i connotati così provi quello ke hai fatto passare a questo povero cucciolo,sei una bestia!!crepa!!!!

  9. non ho visto il video perche’ ultimamente mi sento malissimo a vedere il maltrattamento degli animali, ma TI auguro la stessa fine stronza che non sei altro MOSTRO!!!!

  10. fatele fare la stessa fine a sta bastarda!!! datevi una mossa contro ste cose porca miseria!!!!

  11. SEI SOLO UNA PUTTANA MALEDETTA!!!!! SPERO KE TI PRENDANO E TI SQUARCINO LA FICA A COLPI DI BASTONE LURIDA BASTARDA!!!!!!! STA GENTE NON MERITA DI VIVERE!!!!!!! SEI UNA LURIDA BESTIA!!!!!!!!

  12. Fatima Nolasco de Souza

    Pagherà per quello che
    hà fatto. Figlia di putanna. Odio.

  13. Fatima Nolasco de Souza

    Pagherà per quello che ha fatto. Figlia di putanna.

  14. E INTANTO IL PICCOLINO E’ MORTO E LA STRONZA ANDRA’ A COMPERARSENE UN’ALTRO????? MAGARI PER IL BAMBINO CHE PIANGE E VUOLE IL CANE???? IO TI TRATTEREI NELLO STESSO MODO MA INVECE DEL BIDONE SUL MUSO CI METTEREI IL MIO PIEDE ED IO PESO!!!!

  15. spero che venga condannata e multata almeno per 5000 euro e le auguro di morire nello stesso modo gonfia di botte e mazzate..una brutta giornata?perchè prendersela con un esserino che non puo’ difendersi?maledetta perchè non ti sei scagliata contro tuo marito vigliacca schifosa

  16. verena giulianelli

    Non è un attacco di nervi, è violenza gratuita, questa persona è crudele e violenta e priva di empatia, sicuramente mentalmente squilibrata , da notare la lentezza , la deliberatezza e la tranquillita nell’azione ….e c’è da preoccuparsi che possa reiterare l’azione sulla bambina…. persona da sottoporre ad esame psichiatrico e da valutare soprattutto la possibilità di toglierle la patria potestà, ovviamente dopo la giusta punizione per il maltrattameno orribile che ha causato la prolungata agonia e morte del povero cane… se la fosse presa con un dobermann mi sarei veramente divertita a vedere un finale moooolto diverso!

  17. DEVE CREPARE. NON DEVE ESSERCI PIETA’ PER GENTE COSI’. LA DEVONO ATTACCARE AD UNA CORDA E TRASCINARLA PER 1000 KM AD UNA VELOCITA’ MASSIMA DI 10 ALL’ORA. QUANDO SI ACCORGONO CHE STA PER MORIRE SI DEVONO FERMARE, MEDICARLA E RIPARTIRE. COSì PER UN MILIONE DI VOLTE. DOPO TUTTO CIO’ (SE E’ ANCORA VIVA) LE DEVONO STACCARE I DENTI CON LE PINZE E CAVARE GLI OCCHI CON UN CUCCHIAIO. E DA MORTA LA DEVONO DARE IN PASTO AI MAIALI. TROIAAAAA!!!! VORREI AVERTI QUI, FIDATI CHE BELLA GIORNATA CHE TI FARESTI.

  18. MA QUESTA MALEDETTA CAGNA NON SI PUO’ ELIMINARE??? COME HA FATTO CON IL CANE COSI’ FARA’ CON IL BAMBINO !!! lURIDA BASTARDA|!!! mI SI E’ SPEZZATO IL CUORE POVERO PICCOLO !!! ORA SEI LIBERO CORRI SUL PONTE E NON GUARDARTI INDIETRO !!!

  19. Vergognoso e vile!!! Trovo grave anche il comportamento della persona che ha ripreso la scena senza correre in soccorso di questo piccolo cagnolino!!! Sicuramente si sarebbe salvato!!!!!!

  20. ma questa è pazza, è pazza, mamma mia quante lacrime mi scoppiano dal viso!! questa deve passare delle giornate da incubo in mano ai torturatori!!

  21. Un bel cappio al collo e via.

  22. Partendo dal presupposto che era meglio fermarla dall’uccidere quella povera creaturina, invece di star li con una telecamera in mano, hanno fatto bene a postarla su internet. Se questi mostri umani non iniziano a pagare davvero di tasca propria (un eufemismo per dire che spero l’appendano ad un lampione) questi orrori non si fermeranno mai. E’ giusto che paghi, che adesso viva nel terrore, che il marito la lasci, che la figlia crescendo si renda conto di che razza di genitore l’ha messa al mondo. La prigione non basta!

  23. una brutta giornata??? no via… la sedia elettrica per questa gente ci vorrebbe altroché , sarebbe da fargliela passare VERAMENTE una brutta giornata, l’ultima!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com