Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / USA: tortura i cani mentre li sopprime, veterinario licenziato

USA: tortura i cani mentre li sopprime, veterinario licenziato

Un veterinario assunto al rifugio per animali di Los Angeles è stato licenziato la scorsa settimana per aver sottoposto i cani a torture durante l’eutanasia.

L’accertamento delle responsabilità è stato portato avanti dalla Polizia del posto e ora Manuel Boado, 64 anni, dovrà rispondere del reato di crudeltà verso gli animali.

Il veterinario non sottoponeva i cani a sedazione prima di procedere con l’eutanasia. Al contrario, li trasportava in una stanza del canile dove venivano tenuti i corpi senza vita degli animali e inseriva aghi nella loro vena giugulare. Una pratica vietata per legge.

Un testimone – anch’esso impiegato nel rifugio – ha riferito di aver sentito Boado dire ad alta voce ad uno dei cani che stava “trattando”: “E allora, muori sì o no?”. Una seconda addetta ha testimoniato di essere entrata nella stanza degli orrori e di aver trovato, oltre al veterinario, i corpi senza vita di due cani e un terzo animale in agonia, coperto di sangue.

Una terza lavorante, Carolina Martinez, ha riferito di essere stata nauseata dalle modalità di lavoro di Boado, i cui animali “si dimenavano, tremavano e si urinavano addosso”. Ha sostenuto di essere stata costretta ad abbandonare lo studio perché fisicamente non riusciva a sopportare quello che vedeva.

“Li infilzava con l’ago e li faceva sanguinare tantissimo”, ha dichiarato la donna nella testimonianza resa agli inquirenti, “Non avevo mai visto tanto sangue prima né un veterinario che si comportasse in quel modo con gli animali”.

La polizia sottolinea come l’atteggiamento di Boado – il trasportare cani ancora vivi in una stanza piena di cadaveri – creasse un inutile “fattore paura” tra gli animali che dovevano essere sottoposti all’eutanasia.

“Un comportamento totalmente incosciente, quello di aggiungere elementi di terrore quando stai comunque per togliere la vita ad un animale”, dice Brenda Barnette, che gestisce il rifugio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

4 Commenti

  1. Gioia tu parli di rabbia ….secondo me è solo pura follia !!!

  2. Potevano aspettare un’altro pochino acacciarlo via!!!!
    E adesso dove continuerà le sue sevizie??!!!!!!
    In che angolo del mondo???
    Chissà qanta rabbia aveva in corpo sto pazzo !!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com