Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / 2mila euro di taglia: trovate chi ha impiccato il cane

2mila euro di taglia: trovate chi ha impiccato il cane

Anche la Provincia di Treviso ha deciso di costituirsi parte civile contro ignoti, nell’eventuale processo a carico del responsabile dell’impiccagione di un cane padronale, qualche giorno fa. L’animale ha patito una lunga agonia prima di morire: il suo assassino è penetrato nel giardino nel quale risiedeva mentre la sua proprietaria era assente per un funerale, e ha proceduto ad impiccarlo con la sua stessa catena.

Ora, sulla sua testa pende una taglia di 2000 euro e ci si augura che, se non per dovere civico, chi sa parli almeno per amor del denaro. 

La taglia è stata messa dal presidente leghista della Provincia di Treviso, Leonardo Muraro, come cittadino privato: “Metto 2mila euro, un premio in denaro, a chi aiuterà a scoprire l’autore del delitto”.

Al di là della taglia, quello che veramente è necessario è la certezza della pena per chi uccide, maltratta, abusa degli animali. L’Italia non può permettersi di andare avanti a multe perlopiù ridicole e tirate d’orecchie.

 

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

7 Commenti

  1. ogni giorno invece di sentire notizie buone si sentono queste ,sempre più crudeli ,basta ,e dico a queste persone ,se si possono chiamare così ,bastardi vi auguro una vita piena di sofferenze ,,oggi è proprio una giornata no!!!!!!!

  2. brava Vittoria …e senza sbagliare un colpo !!!

  3. grande maria letizia!

  4. Oggetto: grazie Presidente!
    Da: mletizia.magri@libero.it
    A:
    Data: 20/11/2011 01:20

    Egregio Presidente,
    voglio plaudire per l’iniziativa della Provincia di Treviso di costituirsi
    parte civile, e la sua personale di mettere una taglia sugli autori del
    vigliacco gesto di impiccare un cane a Revine Lago.
    Ci sentiamo impotenti e frustrati quando davanti a fatti del genere, sempre
    piu’ frequenti, purtroppo, i colpevoli non vengono trovati (a volte neanche
    cercati con la dovuta solerzia). E le poche volte che vengono individuati la
    fanno franca con sanzioni ridicole.
    Chi compie questi gesti e’ un pericolo per tutta la societa’ civile,
    sopratutto per i piu’ vulnerabili. Vanno presi e messi in grado di mai piu’
    nuocere.
    Grazie signor Presidente, per il suo chiaro segnale di fermezza e di ripudio
    per queste forme di barbarie.
    Spero tantissimo che ci siano dei risultati, ma anche se cosi’ non fosse, il
    suo gesto e’ un segnale da prendere come deterrente e monito per questa feccia
    dell’umanita’
    Con stima,

    Maria Letizia Magri

  5. IL MITRAAAAAAAAAAAAA!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com